05/07/2017, 12.35
KAZAKHSTAN - SIRIA
Invia ad un amico

Vicario di Aleppo: su Astana più ottimismo che incertezza, favorire il rientro degli sfollati

Nella capitale kazaka nuovi incontri fra governo e opposizione. L’obiettivo è rafforzare le zone cuscinetto. Mons. Abou Khazen sottolinea che ogni occasione di incontro è sempre un elemento “positivo”, anche se la situazione è “incerta”. Mezzo milione di sfollati sono rientrati nelle terre di origine, pacificate 1300 cittadine. 

 

Aleppo (AsiaNews) - Ogni occasione di “incontro, confronto, dialogo” è sempre un fattore “positivo” e deve indurre “all’ottimismo”, anche se la situazione sul terreno “non è facile” e permane una sensazione diffusa “di incertezza” per l’avvenire. È quanto racconta ad AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, commentando il secondo giorno di colloqui di pace bilaterali in programma ad Astana (Kazakhstan) sulla Siria, patrocinati da Russia, Turchia e Iran. “La speranza - aggiunge - resta sempre quella di arrivare a un cessate il fuoco permanente, che favorirebbe il ritorno degli sfollati e una ripresa delle attività economiche e commerciali”, fattori chiave per far ripartire il Paese. 

Ad Astana si è aperto ieri il quinto incontro internazionale sulla Siria, con l’obiettivo di rafforzare la “fragile” tregua nazionale in vigore dal dicembre scorso; una due giorni di trattative, che registra la presenza di delegati del governo siriano e rappresentanti delle opposizioni armate. La mediazione messa in campo da Teheran, Mosca e Ankara (su fronti opposti nel conflitto) si affianca agli sforzi diplomatici promossi dalle Nazioni Unite a Ginevra (Svizzera), i quali però non hanno sortito sinora effetti duraturi. 

In passato gli incontri di Astana, durante i quali per la prima volta si sono seduti allo stesso tavolo leader di Damasco e fronte dei ribelli, si sono rivelati più decisivi rispetto ai colloqui patrocinati dall’Onu. All’ultimo appuntamento, nel maggio scorso, si è giunti alla creazione di  zone di “de-escalation” del conflitto che prevedevano il cessate il fuoco, il divieto di sorvolo dell’area, il rifornimento immediato di aiuti umanitari e il ritorno dei rifugiati.

L’obiettivo della due giorni, cui gli Stati Uniti partecipano nel ruolo di osservatori, che si conclude oggi è definire i confini esatti delle quattro aree cuscinetto e le procedure per verificare il rispetto della tregua. A due mesi di distanza dalla firma, resta dunque prioritario definire le zone di de-escalation che riguardano alcuni territori ribelli nella provincia di Idlib, un settore del governatorato centrale di Homs, una enclave ribelle a Ghouta e il settore meridionale del Paese, al cui interno vivono fino a 2,5 milioni di persone. 

All’interno della delegazione anti-Assad, in cui spicca l’assenza del capo negoziatore Mohammad Allouche, si registra un clima di diffuso scetticismo. L’idea è che la Russia voglia promuovere queste discussioni, per “distogliere” l’attenzione generale sui “bombardamenti, sfollamento di civili e ripetute aggressioni” che sta conducendo nel Paese. Dal canto suo, il governo siriano ha dichiarato che non permetterà ai propri nemici di “beneficiare” della formazione di zone cuscinetto nell’ovest per ottenere progressi sul piano militare. 

Un quadro complesso, in cui la diplomazia regionale e internazionale si muove con estrema lentezza e fatica. “Dal punto di vista della sicurezza - racconta mons.  Abou Khazen - la situazione in diverse zone, fra cui Aleppo, è migliorata. Manca ancora l’elettricità, ma è tornata l’acqua e la vita riprende a scorrere. Certo, la mancanza di giovani e uomini perché emigrati o richiamati fra i riservisti dell’esercito si fa sentire, in particolare nell’opera di ricostruzione. Ma noi pastori incoraggiamo le persone a rimanere e cerchiamo di aiutarle contribuendo ai fabbisogni delle famiglie, dei loro bambini”. 

Interpellato sui colloqui di Astana, il vicario apostolico vuole essere “ottimista”, anche se “non possiamo essere sicuri che vi sia una davvero una soluzione all’orizzonte, vediamo ciò che succederà”. “Ogni incontro, ogni occasione di dialogo - prosegue - è importante e la speranza è che possa condurre a un cessate il fuoco permanente. Questi colloqui hanno favorito in molte zone la riconciliazione interna, basti pensare che da 500 si è passati a 1300 cittadine in cui i fronti in lotta hanno deposto le armi e rifiutato la guerra come mezzo per risolvere le controversie. Spero possano essere il viatico per una riconciliazione di livello nazionale”. 

In questi villaggi e cittadine, racconta il prelato, le persone “hanno ricominciato a coltivare la terra, a riaprire le scuole, a riprendere le attività. Si parla poi di oltre mezzo milione di sfollati fuggiti in passato e oggi rientrati nelle loro terre di origine, nell’area di frontiera vicino al Libano e nelle zone centrali di Homs e Hama e lungo alcuni tratti dell’Eufrate. Sono un numero significativo, che incoraggia e potrebbe incentivare altri a tornare”. “Questo - conclude - è il primo risultato tangibile dei colloqui e l’attuazione delle zone cuscinetto mi auguro possa dare una ulteriore accelerazione a questo processo”.  

Il conflitto siriano è iniziato nel marzo 2011 come una rivolta di piazza contro il presidente Bashar al Assad; nel tempo si è trasformata in una guerra civile, con infiltrazioni jihadiste e crescenti ingerenze di potenze straniere, regionali e internazionali. In oltre sei anni sono morte più di 300mila persone; quasi 11 milioni i cittadini che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni, fra migranti e sfollati interni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mosca: aree sicure e no-fly zones per rafforzare il cessate il fuoco in Siria
04/05/2017 08:51
Astana, settimo round: conflitto siriano, questioni militari e umanitarie
31/10/2017 08:59
Ginevra, nuovi colloqui Onu sulla Siria.Tiene la tregua mediata da Usa e Russia nel sud-ovest
10/07/2017 08:59
Onu: zone di sicurezza in Siria un accordo incoraggiante, ma occorre verificarne l’applicazione
05/05/2017 08:58
Nunzio a Damasco: ‘Ospedali aperti’, i cattolici nell’emergenza sanitaria
02/11/2017 08:22