22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2013, 00.00

    VIETNAM

    Vietnam, condannato un funzionario per l’esproprio alla “famiglia coraggio”



    La corte di Tien Lang ha inflitto 30 mesi di prigione a Nguyen Van Khanh, vice-presidente del distretto, per distruzione di proprietà. È uno dei rari casi di incriminazione verso le autorità locali colpevoli di abusi. Tuttavia, secondo la moglie di Van Vuon egli è solo un capro espiatorio e i veri responsabili sono rimasti impuniti.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - Un tribunale vietnamita ha condannato a 30 mesi di prigione un funzionario governativo, per aver ordinato l'esproprio contro Peter Doan Van Vuon, leader della "famiglia coraggio", simbolo della lotta contro le confische forzate e per questo finito agli arresti. Al contempo, i giudici hanno inflitto una pena (sospesa) ad altre quattro persone, per aver partecipato a vario titolo all'azione di forza imposta dalle autorità di Tien Lang - distretto di Hai Phong, città portuale nel nord-est del Vietnam - contro i Vuon. La sentenza emessa contro funzionari governativi, sebbene locali, e per di più per aver violato i diritti dei cittadini, è un fatto raro nel Paese. Tuttavia, la moglie del leader della "famiglia coraggio" si dice "insoddisfatta" dalla "mitezza" delle pene e annuncia ricorso.

    Peter Doan Van Vuon, 50enne ex soldato, è diventato un'icona nella lotta per i diritti della popolazione, fra cui quello alla proprietà, in Vietnam. Egli ha ricevuto anche il sostegno dei vescovi, che hanno promosso una campagna di sensibilizzazione sul suo caso. Nei giorni scorsi è stato condannato a cinque anni di carcere con l'accusa di tentato omicidio. Al momento dell'esproprio, egli ha aperto il fuoco contro gli agenti chiamati ad applicare l'ordine delle autorità, ferendo sette persone. A nulla è valsa, in tribunale, l'eccezione sollevata dagli avvocati della difesa di una reazione per legittima difesa.

    Il 10 aprile è arrivata anche la condanna di Nguyen Van Khanh, vice-presidente del distretto di Tien Lang, che dovrà scontare 30 mesi di prigione per distruzione di proprietà. Tuttavia, secondo alcuni egli è solo il capro espiatorio finito sul banco degli imputati, mentre i veri responsabili che hanno orchestrato l'operazione sarebbero altri, i quali sono riusciti a evitare pene detentive. Fra questi vi sarebbero Le Van Hien, ex presidente distrettuale, e Pham Dang Hoan, ex segretario del partito nel villaggio di Vinh Quang. Pur condannandoli ad alcuni mesi di galera, i giudici hanno concesso loro la sospensione della pena.

    Ed è proprio la moglie di Vuon, Nguyen Thi Thuong, a parlare di processo farsa e di condanne irrisorie e ingiuste nei confronti dei veri responsabili dell'assalto alle attività di famiglia. Al termine dell'udienza la donna ha assicurato che "faremo ricorso" in appello. Ad acuire il senso di frustrazione vi è anche l'atteggiamento tenuto in aula dai vertici dell'amministrazione alla sbarra, sicuri di un esito favorevole del dibattimento. Due degli imputati "ridevano", raccontano i testimoni, e dichiaravano senza timore di "aver corrotto le autorità preposte al giudicare la vicenda". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/04/2013 VIETNAM
    Hanoi: cinque anni a Peter Doan Van Vuon, eroe della lotta contro gli espropri forzati
    La condanna per la “famiglia coraggio” è arrivata, ma è inferiore alle previsioni. Per i familiari maschi pene da due a cinque anni, sospesa l’esecutività della sentenza per le donne. Riconosciuto il “danno all’ordine sociale”. Tuttavia, i giudici non avrebbero infierito per evitare di alimentare tensioni sociali.

    04/04/2013 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti a difesa della famiglia che ha lottato contro gli espropri forzati
    È in corso il processo a carico di Peter Doan Van Vuon, accusato di “omicidio” per aver difeso la propria attività commerciale da un esproprio forzato. Due prelati lanciano una petizione, in cui sottolineano che l’uomo e i familiari sono innocenti e vittime degli abusi perpetrati dalle autorità locali. La loro storia esempio di coraggio per molti vietnamiti.

    14/01/2014 VIETNAM
    Saigon: contro i cattolici minacce e pressioni delle autorità per i terreni contesi
    Al centro della controversia la parrocchia di Thủ Thiêm e gli edifici usati da un gruppo di religiose. I vertici del Distretto 2 intendono impossessarsi dell’area, nonostante la presenza centenaria della comunità cristiana, in violazione ai diritti e alla Costituzione. I fedeli accusano l’amministrazione di Ho Chi Minh City di “coprire gli abusi” e affossare “tradizioni storiche e culturali”.

    17/11/2015 VIETNAM
    Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
    Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.

    20/12/2013 VIETNAM
    Banca mondiale e Chiesa vietnamita contro gli espropri forzati: un freno allo sviluppo
    Le tensioni sociali che derivano dalle dispute sulle terre allontanano gli investitori stranieri e ridimensionano la crescita. Previsto l’indice di sviluppo più basso dal 1999 a oggi. In tre anni oltre 700mila dispute, a rischio decine di progetti infrastrutturali. Conferenza episcopale: servono modifiche costituzionali a tutela della proprietà. Funzionaria Onu a sostegno dei cattolici di Con Dau.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®