28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/07/2012, 00.00

    VIETNAM

    Vinh: cattolici nel mirino di teppisti e autorità. Decine di feriti fra i fedeli durante la messa

    Nguyen Hun

    Un gruppo legato al Fronte patriottico ha colpito i cattolici di Con Cuông mentre celebravano messa. Una donna ha riportato fratture alla testa ed è ricoverata. Le autorità pagano fino a 25 dollari gli autori dei raid, come “rimborso” per la loro “opera”. Protesta dei fedeli: violano la libertà religiosa e le leggi del Paese.

    Hanoi (AsiaNews) - Un gruppo di teppisti legato al Fronte patriottico vietnamita, fomentati dalle autorità locali, ha colpito i fedeli riuniti in una casa di preghiera di Con Cuông - distretto della provincia di  Nghệ An, diocesi di Vinh - intenti a celebrare la messa domenicale. L'attacco contro la comunità cattolica è avvenuto la sera del primo luglio ed è solo l'ultimo di una serie di episodi di persecuzione, che hanno preso di mira le comunità cristiane della zona dal novembre dello scorso anno (cfr. AsiaNews 29/12/2011Giovane cattolico di Vinh rapito dalla polizia alla vigilia di Natale). Fonti anonime interpellate da AsiaNews riferiscono inoltre che le cosiddette "autorità locali" devolvono fino a 25 dollari di "ricompensa" a malviventi che picchiano sacerdoti e laici che desiderano solo incontrarsi per celebrare l'eucaristia.

    La sera del primo luglio, come ogni domenica, p. J.B. Nguyễn Đình Thục ha riunito i fedeli in una cappella di Con Cuông per celebrare la messa. All'improvviso, un gruppo di teppisti - con molta probabilità vicini ad un movimento nazionalista ed estremista - ha interrotto la funzione prendendo di mira i presenti. Fomentati dalle autorità locali, che pagano questi gruppi per colpire le comunità cattoliche, gli assalitori hanno colpito con forza e brutalità ferendo dozzine di persone. Una di loro, la signora Maria Ngô Thị Thanh, ha riportato una frattura cranica ed è stata ricoverata in ospedale per cure intensive.

    Nelle scorse settimane funzionari di Con Cuông hanno più volte vagato per le strade del distretto a bordo di jeep, dalle quali lanciavano slogan e moniti contro i cattolici - laici e sacerdoti - colpevoli di "celebrazione illegale di messe". Alcune famiglie confermano che "le autorità locali non sanno" o fingono di non conoscere "le leggi che regolano la libertà religiosa in Vietnam". Polizia e agenti della sicurezza minacciano i cristiani e costringono i fedeli a promettere che non parteciperanno in futuro a funzioni o cerimonie. "Stanno violando - commentano i membri della comunità - le leggi del Vietnam e i diritti umani di base".

    Tuttavia, a dispetto di minacce e persecuzioni che proseguono da un anno e mezzo p. .B. Nguyễn Đình Thục celebra la messa domenicale e i riti legati alle principali festività. In tutta risposta, l'amministrazione locale ha rafforzato la politica repressiva "mobilitando centinaia di persone fra forze di polizia, agenti in borghese e gruppi di malviventi" che lanciano sassi, colpiscono i fedeli, compiono arresti. Una fonte, dietro anonimato, confida ad AsiaNews che i violenti "sono ricompensati con 25 dollari ciascuno" per le loro azioni ai danni di fedeli pacifici.

    In risposta all'ennesimo attacco, i parrocchiani hanno protestato davanti agli uffici del Comitato popolare del distretto Con Cuông, chiedendo al segretario locale del partito di mettere fine alle violazioni e rispettare il principio della libera professione del culto. Ma i leader continuano a ignorare le richieste e stanziano forze di polizia per provocare i fedeli. Nelle ultime settimane, gli agenti addetti al controllo del traffico hanno chiuso gli accessi alle chiese, rendendo sempre più difficile la partecipazione a messe e funzioni. I fedeli attendono una presa di posizione forte e decisa del vescovo di Vinh, a tutela della libertà religiosa. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2012 VIETNAM
    L’attacco ai cattolici di Vinh, “pulizia religiosa” imposta da Hanoi
    Si fa sempre più serrata la lotta delle autorità contro la pratica del culto. Il governo vuole “spazzare via” ogni traccia della fede, ma nel popolo si assiste a una rinascita spirituale. La fiera opposizione del sacerdote e dei fedeli di Con Cuong all’assalto di militari e teppisti organizzati. Sacerdote locale: morire sull’altare “una benedizione”.

    29/09/2009 VIETNAM
    Nuova campagna diffamatoria dei media di Stato contro i cattolici vietnamiti
    Tv e giornali di Stato attaccano prelati, sacerdoti e fedeli. Sotto accusa l’arcivescovo di Hue, colpevole di aver condannato la confisca della scuola di Loan Ly e le brutali violenze della polizia. A Vinh bulldozer pronti ad abbattere un'immagine di Nostra Signora di La Vang.

    28/03/2015 VIETNAM
    Vinh, governo contro cattolici: percosse e violenze per ottenere lo sgombero di una parrocchia
    La piccola e remota parrocchia di Dông Yên nel mirino delle autorità, che vogliono cacciare i fedeli per realizzare un mega impianto portuale. La maggioranza dei cattoici ha lasciato la zona, ma un gruppo di 150 persone lotta per restare. Nei giorni scorsi la polizia ha effettuato un raid, ferendo diversi parrocchiani. La solidarietà del vescovo di Vinh.

    27/06/2013 VIETNAM
    Ausiliare di Vinh: alla Chiesa vietnamita servono news e media cattolici
    P. Pierre Nguyen Van Vien racconta la realtà della diocesi e della Chiesa nel Paese. Fede, vocazioni, missionari e martiri e una povertà che porta speranza i punti di forza. Ma mancano giornali, radio e case editrici che contribuiscono alla testimonianza e all’evangelizzazione.

    03/10/2009 VIETNAM
    Mons. Dac Trong, la lotta della Chiesa vietnamita sotto il comunismo
    La diocesi di Hanoi pubblica le memorie del vescovo ausiliare scomparso il 7 settembre scorso. “Storia di un era” narra, in forma di diario, la vita della Chiesa nel Paese dall’avvento del comunismo sino ai giorni nostri. Dalle vicende degli anni ’50 ad oggi racconta le sofferenze di vescovi, sacerdoti e laici ed offre elementi utili per capire i l’ attualità del cristianesimo in Vietnam.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®