27 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2012
VIETNAM
Vinh: cattolici nel mirino di teppisti e autorità. Decine di feriti fra i fedeli durante la messa
di Nguyen Hun
Un gruppo legato al Fronte patriottico ha colpito i cattolici di Con Cuông mentre celebravano messa. Una donna ha riportato fratture alla testa ed è ricoverata. Le autorità pagano fino a 25 dollari gli autori dei raid, come “rimborso” per la loro “opera”. Protesta dei fedeli: violano la libertà religiosa e le leggi del Paese.

Hanoi (AsiaNews) - Un gruppo di teppisti legato al Fronte patriottico vietnamita, fomentati dalle autorità locali, ha colpito i fedeli riuniti in una casa di preghiera di Con Cuông - distretto della provincia di  Nghệ An, diocesi di Vinh - intenti a celebrare la messa domenicale. L'attacco contro la comunità cattolica è avvenuto la sera del primo luglio ed è solo l'ultimo di una serie di episodi di persecuzione, che hanno preso di mira le comunità cristiane della zona dal novembre dello scorso anno (cfr. AsiaNews 29/12/2011Giovane cattolico di Vinh rapito dalla polizia alla vigilia di Natale). Fonti anonime interpellate da AsiaNews riferiscono inoltre che le cosiddette "autorità locali" devolvono fino a 25 dollari di "ricompensa" a malviventi che picchiano sacerdoti e laici che desiderano solo incontrarsi per celebrare l'eucaristia.

La sera del primo luglio, come ogni domenica, p. J.B. Nguyễn Đình Thục ha riunito i fedeli in una cappella di Con Cuông per celebrare la messa. All'improvviso, un gruppo di teppisti - con molta probabilità vicini ad un movimento nazionalista ed estremista - ha interrotto la funzione prendendo di mira i presenti. Fomentati dalle autorità locali, che pagano questi gruppi per colpire le comunità cattoliche, gli assalitori hanno colpito con forza e brutalità ferendo dozzine di persone. Una di loro, la signora Maria Ngô Thị Thanh, ha riportato una frattura cranica ed è stata ricoverata in ospedale per cure intensive.

Nelle scorse settimane funzionari di Con Cuông hanno più volte vagato per le strade del distretto a bordo di jeep, dalle quali lanciavano slogan e moniti contro i cattolici - laici e sacerdoti - colpevoli di "celebrazione illegale di messe". Alcune famiglie confermano che "le autorità locali non sanno" o fingono di non conoscere "le leggi che regolano la libertà religiosa in Vietnam". Polizia e agenti della sicurezza minacciano i cristiani e costringono i fedeli a promettere che non parteciperanno in futuro a funzioni o cerimonie. "Stanno violando - commentano i membri della comunità - le leggi del Vietnam e i diritti umani di base".

Tuttavia, a dispetto di minacce e persecuzioni che proseguono da un anno e mezzo p. .B. Nguyễn Đình Thục celebra la messa domenicale e i riti legati alle principali festività. In tutta risposta, l'amministrazione locale ha rafforzato la politica repressiva "mobilitando centinaia di persone fra forze di polizia, agenti in borghese e gruppi di malviventi" che lanciano sassi, colpiscono i fedeli, compiono arresti. Una fonte, dietro anonimato, confida ad AsiaNews che i violenti "sono ricompensati con 25 dollari ciascuno" per le loro azioni ai danni di fedeli pacifici.

In risposta all'ennesimo attacco, i parrocchiani hanno protestato davanti agli uffici del Comitato popolare del distretto Con Cuông, chiedendo al segretario locale del partito di mettere fine alle violazioni e rispettare il principio della libera professione del culto. Ma i leader continuano a ignorare le richieste e stanziano forze di polizia per provocare i fedeli. Nelle ultime settimane, gli agenti addetti al controllo del traffico hanno chiuso gli accessi alle chiese, rendendo sempre più difficile la partecipazione a messe e funzioni. I fedeli attendono una presa di posizione forte e decisa del vescovo di Vinh, a tutela della libertà religiosa. 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/07/2012 VIETNAM
L’attacco ai cattolici di Vinh, “pulizia religiosa” imposta da Hanoi
di J. B. An Dang
29/09/2009 VIETNAM
Nuova campagna diffamatoria dei media di Stato contro i cattolici vietnamiti
di J.B. An Dang
28/03/2015 VIETNAM
Vinh, governo contro cattolici: percosse e violenze per ottenere lo sgombero di una parrocchia
27/06/2013 VIETNAM
Ausiliare di Vinh: alla Chiesa vietnamita servono news e media cattolici
03/10/2009 VIETNAM
Mons. Dac Trong, la lotta della Chiesa vietnamita sotto il comunismo
di J.B. An Dang

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate