30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/05/2012
PAKISTAN – STATI UNITI
Washington taglia gli aiuti al Pakistan, per la condanna del “dottore di bin Laden”
Dal pacchetto di aiuti verranno tolti 33 milioni di dollari, uno per ogni anno di carcere comminato a Shakil Afridi. Egli è stato incriminato per “tradimento”; secondo l’accusa ha promosso un programma di vaccinazione per raccogliere informazioni destinate all’intelligence Usa. Clinton: pena “infondata e ingiustificata”.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) - Una commissione del Senato statunitense ha deciso di tagliare (30 a 0 l'esito del voto) gli aiuti al Pakistan, per un importo "simbolico" di 33 milioni di dollari. La decisione è giunta ieri, in seguito all'approvazione di un emendamento alla legge sugli aiuti esteri del governo Usa, il cui bilancio complessivo ammonta a 52 miliardi di dollari. Il taglio è proporzionale agli anni di carcere inflitti a un medico pakistano, per l'accusa di "tradimento"; egli avrebbe infatti "collaborato" all'individuazione del nascondiglio di Osama bin Laden, il leader del al Qaeda, poi ucciso in un raid delle forze speciali Usa ad Abbottabad - poco distante dalla capitale Islamabad - nel maggio 2011. Lo scorso 23 maggio Shakil Afridi è stato condannato da un tribunale tribale del distretto di Khyber - nell'ovest del Paese, lungo il confine con l'Afghanistan - a 33 anni di carcere e al pagamento di una multa di 3.500 dollari

I senatori Usa hanno deciso di togliere un milione di dollari di aiuti per ogni anno di galera inflitto al dottore che, al momento, è rinchiuso in una prigione a Peshawar e non ha potuto essere presente durante il dibattimento in aula, per portare la propria versione dei fatti.

Il segretario di Stato americano Hillary Clinton parla di condanna "infondata e ingiustificata"; Afridi è stato condannato per tradimento, perché avrebbe promosso un programma di vaccinazione di epatite B "fasullo", con il solo scopo di raccogliere campioni di Dna destinati ai servizi di intelligence statunitensi impegnati nella raccolta di informazioni sul fondatore di al Qaeda. "Gli Stati Uniti ritengono che - ha aggiunto il capo della diplomazia Usa - non vi sia alcuna ragione plausibile per rinchiudere Afridi. Dispiace vedere che sia stato condannato e la severità della sentenza".

Analisti ed esperti di politica internazionale ritengono che l'establishment pakistano ha deciso la condanna non solo come "gesto di sfida" verso Washington, ma anche per inviare un "messaggio" a tutti quei pakistani che "collaborano" con i diplomatici Usa in missione nel Paese, per farli desistere dal comportarsi come Afridi e "commettere il suo stesso sbaglio".

Il medico pakistano è stato arrestato pochi giorni dopo il raid compiuto dalle forze speciali Usa nel maggio dello scorso anno, che ha portato all'uccisione di bin Laden. Islamabad ha sempre giudicato l'azione ordinata dal governo statunitense una "violazione della sovranità territoriale". Nei giorni scorsi, inoltre, i due Paesi non sono riuscita a raggiungere un accordo - durante il summit Nato a Chicago - sulla riapertura della via di rifornimento alle truppe americane impegnate in Afghanistan, via Pakistan, chiusa nel 2011 dopo che un bombardamento dell'aviazione Usa ha causato 24 vittime fra i soldati pakistani.  


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/06/2012 PAKISTAN - AFGHANISTAN
Raid Usa uccide al-Libi, il n. 2 di al Qaeda
19/07/2010 PAKISTAN – STATI UNITI
Islamabad: dagli Usa 7,5 miliardi in aiuti contro il terrorismo e le mire cinesi
23/07/2007 PAKISTAN – USA
Islamabad nega ai marines il permesso di entrare nel Paese
06/09/2012 PAKISTAN
Islamabad espelle sei cooperanti stranieri di Save the Children
12/01/2007 PAKISTAN – USA
Islamabad: “Mai ricevuto informazioni Usa sui vertici di al-Qaeda”

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate