29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/07/2012, 00.00

    CINA

    Wen Jiabao: “Economia, ci aspettano tempi duri”



    Il primo ministro cinese ammonisce: “Siamo ancora nei limiti, ma con il tempo le cose possono peggiorare”. Calano le stime di crescita e la bilancia commerciale: senza una svolta democratica, la Cina rischia di perdere tutto.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il premier cinese Wen Jiabao ha ammonito oggi sul rischio, per la seconda economia mondiale, di dover affrontare "nuovi momenti difficili" in futuro. Parlando nel corso di una visita a Chengdu, nel Sichuan, il primo ministro ha detto: "Il tasso di crescita economica rientra ancora tra gli obiettivi fissati dal governo all'inizio dell'anno e le politiche di stabilizzazione stanno funzionando. Tuttavia, la ripresa economica non è ancora stabile e ci potrebbero ancora essere momenti di difficoltà".

    Nel secondo trimestre del 2012 Pechino ha registrato il tasso di crescita più basso degli ultimi tre anni. I dati sulla produzione industriale sono calati per la settima volta consecutiva e la bilancia commerciale con l'estero non promette nulla di buono; tuttavia, il Prodotto interno lordo rimane stabile.

    Secondo Wen "al momento, la crescita economica tiene. Ma l'economia non segue cicli precisi, e i funzionari del governo devono lavorare al massimo per garantire gli obiettivi che ci siamo posti". Lo scorso marzo, il premier ha annunciato come target per l'anno una crescita del 7,5 %: si tratta dell'ottavo obiettivo al ribasso consecutivo.

    Secondo diversi analisti, la crescita della potenza cinese non può resistere in un sistema monopartitico di stampo dittatoriale. Senza un'apertura democratica, sostengono economisti e politologi, la Cina non sarà in grado di rispondere agli scossoni della crisi finanziaria in corso.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2012 CINA – UE
    Wen Jiabao in Europa: La crisi continua, ma noi vi sosteniamo
    Il premier cinese arriva in Germania (dopo l’Islanda) in un tour che lo porterà anche in Svezia e Polonia. Ad Hannover spiega: “L’economia reale è la chiave per combattere i danni della finanza”.

    09/06/2015 CINA
    Cina, per il terzo mese di fila crollano importazioni ed export
    Il settore ha perso il 18,1% rispetto allo scorso anno, mentre le esportazioni vanno a -2,8%. È il terzo mese consecutivo a segnare l’andamento negativo della seconda economia mondiale. Il governo spera nelle nuove tecnologie, “chiave per la ripresa nazionale”.

    16/09/2006 CINA - EUROPA
    Wen Jiabao in Europa: molto interesse per la tecnologia, poco per i diritti

    Gli accordi commerciali e la collaborazione tecnologica al centro dei colloqui con la Merkel e con altri rappresentanti europei, ma nessuno parla delle libertà civili. Esperti: Pechino vuole legare a sé gli interessi economici dell'Occidente, per far dimenticare le violazioni ai diritti.



    26/09/2012 CINA – GIAPPONE
    Ministri di Tokyo e Pechino all'Onu: Fermiamo l’escalation di tensione sulle Diaoyu/Senkaku
    In un’atmosfera “severa” si è svolto a New York, ai margini dell’Assemblea generale Onu, l’incontro fra i ministri degli Esteri di Cina e Giappone. Continua il nazionalismo esasperato ma “si mantiene una linea di comunicazione”. I due cercano di salvare il commercio bilaterale, in caduta libera.

    13/02/2012 CINA
    I liberali, ultima speranza per la Cina

    Il governo comunista non sembra intenzionato a fare quei cambiamenti profondi che potrebbero salvare il Paese da nuove sommosse popolari, ma ai suo margini esiste una fazione (non troppo piccola) che potrebbe cambiare le cose. Con il sostegno dei 450 milioni di cyberutenti del Paese. L’analisi del grande studioso.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®