4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/05/2007
TIMOR - INDONESIA
Wiranto: nel ‘99 nessuna violazione di diritti umani a Timor Est
di Mathias Hariyadi
Davanti alla Commissione Verità e Amicizia, l’ex capo dell’esercito al tempo dei sanguinosi scontri post-referendum testimonia la sua innocenza e quella dei suoi uomini: furono solo ostilità tra milizie locali. Diversa la deposizione del vescovo Belo: dopo il voto i soldati di Jakarta hanno distrutto il vescovado a Dili e commesso violenze sulla popolazione.

Dili (AsiaNews) – L’esercito indonesiano (TNI) non ha commesso alcuna violazione di diritti umani a Timor Est durante gli scontri che hanno accompagnato nel 1999 il referendum sull’indipendenza da Jakarta. Così ha testimoniato lo scorso 5 maggio il gen. Wiranto davanti alla Commissione bilaterale di Verità e Amicizia, organismo voluta da entrambi i Paesi per far luce sui sanguinosi episodi che 8 anni fa hanno causato la morte di 1500 timoresi e la fuga di oltre 250mila persone.

Secondo la versione fornita dall’ex ministro della Difesa e comandante dell’esercito, si è trattato solo di violenze “locali” tra gruppi con differenti posizioni: quelli pro-indipendenza e quelli contrari alla separazione da Jakarta .“Lo dimostra – ha aggiunto il generale ora in pensione – il fatto che ancora oggi a Timor Est assistiamo alle stesse ostilità tra fazioni differenti”. Wiranto ha poi ricordato davanti ai membri della Commissione che l’Onu stessa aveva appoggiato la scelta sua e dell’allora presidente indonesiano Habibie di imporre la legge marziale sull’isola per arginare le violenze seguite all’annuncio dei risultati referendari. Il TNI,a suo avviso, ha quindi agito nella totale legalità.

Nazioni Unite e gruppi per i diritti umani accusano Wiranto e i militari indonesiani di omicidi, deportazioni e persecuzione contro i sostenitori dell’indipendenza a Timor Est nei 24 anni di occupazione e nel periodo seguito al referendum. Anche la Chiesa punta il dito contro l’esercito, responsabile non solo di aggressioni ai fedeli ma anche alle sue proprietà immobiliari. Davanti alla stessa Commissione di Verità e Amicizia a fine aprile mons. Carlos Belo - vescovo di Dili dal 1996 al 2002 – ha riferito che milizie fedeli a Jakarta e militari del TNI erano implicati in torture sulla popolazione civile e ha raccontato di aver visto con i suoi occhi soldati indonesiani distruggere il vescovado, “dove avevano cercato rifugio centinaia di persone”.

Un rapporto pubblicato nel 2005 dalla Commissione indipendente per l'accoglienza, la verità e la riconciliazione, afferma che oltre 183 mila persone sono morte durante l’occupazione indonesiana. Secondo gli autori oltre il 70 % del totale delle vittime è morto per mano delle forze di sicurezza o delle milizie timoresi addestrate da Jakarta.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2007 INDONESIA - TIMOR
Al via le prime udienze della Commissione Verità e Amicizia
01/08/2005 TIMOR EST - INDONESIA
Vescovi di Timor Est: l'Onu ci aiuti a rendere giustizia al nostro popolo
21/01/2006 TIMOR EST
Vescovo di Baucau: non serve una riconciliazione con Jakarta senza la giustizia
21/12/2005 Timor est – Indonesia
Timor Est: durante l'occupazione indonesiana morte 183 mila persone
10/03/2005 INDONESIA - TIMOR EST
Indonesia-Timor Est: al varo la Commissione Verità e Amicizia

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate