03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/04/2005, 00.00

    ASIA

    World Bank: 11 milioni di bambini all'anno muoiono per mancanza di cure



    Il 28% dei decessi concentrato in Asia; India, Cina e Pakistan i paesi più colpiti.

    Washington (AsiaNews/Agenzie) – Ogni anno nei paesi in via di sviluppo quasi 11 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie di cui si ha a disposizione la cura. Lo denuncia il World Development Indicators, un rapporto pubblicato di recente dalla World Bank.

    Secondo gli esperti le patologie che uccidono con più frequenza sono: dissenteria, morbillo, malaria e infezione respiratoria acuta. Il 28% dei bambini colpiti vive nel sudest asiatico e più del 50% dei decessi è concentrato in 6 paesi: Cina, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Nigeria e Pakistan.

    Sono 4 milioni i neonati che muoiono prime delle 4 settimane di vita; di questi il 98% si trova nei paesi in via di sviluppo e il 36% nel solo sudest asiatico. Nelle nazioni più sviluppate la mortalità neonatale è 6,5 volte inferiore.

    A questi dati vanno aggiunte le 529 mila madri che ogni anno muoiono sempre a causa di malattie curabili in altri paesi. Secondo il rapporto della World Bank solo per la malaria muoiono 2 milioni di persone l'anno; in Africa un bambino ogni 30 secondi. L'associazione Médecins Sans Frontières alcune settimane fa ha avvertito che le forme più virulente di malaria sono diventate resistenti ai medicinali più usati e ha esortato le organizzazioni internazionali ad adottare nuove e più efficaci strategie farmacologiche. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/03/2009 CAMBOGIA
    Phnom Penh: bambini delle aree urbane prime vittime della crisi economica
    L’aumento del prezzo dei cibi aggrava la crisi alimentare nel Paese. La malnutrizione acuta sale dal 9,6% del 2005 al 15,9% del 2008. A rischio l’obiettivo governativo di diminuire il tasso di mortalità infantile.

    06/08/2009 CAMBOGIA
    Cambogia, emergenza malaria: in sei mesi 103 morti e 27mila contagi
    I casi di decesso cresciuti del 58% rispetto allo stesso periodo del 2008. A causare la diffusione del parassita la stagione delle piogge anticipata e il ritardo nella distribuzione delle zanzariere. Da un recente studio emerge una varietà della malattia resistente ai farmaci.

    12/03/2007 INDIA
    Ogni anno in India per problemi sanitari 77mila donne muoiono di parto
    Il governo non riesce a contenere il fenomeno, più grave nelle campagne. Permangono problemi come la mancanza di sangue e di strutture sanitarie. La diffusa violenza contro le donne in gravidanza causa danni e morte ai bambini. L’azione della Chiesa.

    09/02/2007 ASIA
    Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
    Il presidente dell’Asian Development Bank, lancia l’allarme e avverte i governi: la crescita economica non è la soluzione, si deve investire in sanità ed istruzione.

    27/06/2012 ASIA
    Influenza suina: il numero delle vittime - oltre mezzo milione - è 15 volte superiore a quelle dell'Oms
    È quanto emerge da un recente studio elaborato negli Stati Uniti. La maggior parte dei decessi per la pandemia, scoppiata nel 2009, è concentrato nel Sud-est asiatico e in Africa. Il nuovo bilancio parla di 284mila morti, ma il numero complessivo potrebbe arrivare fino a 579mila.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®