25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/04/2005
ASIA
World Bank: 11 milioni di bambini all'anno muoiono per mancanza di cure

Il 28% dei decessi concentrato in Asia; India, Cina e Pakistan i paesi più colpiti.



Washington (AsiaNews/Agenzie) – Ogni anno nei paesi in via di sviluppo quasi 11 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie di cui si ha a disposizione la cura. Lo denuncia il World Development Indicators, un rapporto pubblicato di recente dalla World Bank.

Secondo gli esperti le patologie che uccidono con più frequenza sono: dissenteria, morbillo, malaria e infezione respiratoria acuta. Il 28% dei bambini colpiti vive nel sudest asiatico e più del 50% dei decessi è concentrato in 6 paesi: Cina, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Nigeria e Pakistan.

Sono 4 milioni i neonati che muoiono prime delle 4 settimane di vita; di questi il 98% si trova nei paesi in via di sviluppo e il 36% nel solo sudest asiatico. Nelle nazioni più sviluppate la mortalità neonatale è 6,5 volte inferiore.

A questi dati vanno aggiunte le 529 mila madri che ogni anno muoiono sempre a causa di malattie curabili in altri paesi. Secondo il rapporto della World Bank solo per la malaria muoiono 2 milioni di persone l'anno; in Africa un bambino ogni 30 secondi. L'associazione Médecins Sans Frontières alcune settimane fa ha avvertito che le forme più virulente di malaria sono diventate resistenti ai medicinali più usati e ha esortato le organizzazioni internazionali ad adottare nuove e più efficaci strategie farmacologiche. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/03/2009 CAMBOGIA
Phnom Penh: bambini delle aree urbane prime vittime della crisi economica
06/08/2009 CAMBOGIA
Cambogia, emergenza malaria: in sei mesi 103 morti e 27mila contagi
12/03/2007 INDIA
Ogni anno in India per problemi sanitari 77mila donne muoiono di parto
di Nirmala Carvalho
09/02/2007 ASIA
Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
27/06/2012 ASIA
Influenza suina: il numero delle vittime - oltre mezzo milione - è 15 volte superiore a quelle dell'Oms

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate