30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/04/2005
ASIA
World Bank: 11 milioni di bambini all'anno muoiono per mancanza di cure

Il 28% dei decessi concentrato in Asia; India, Cina e Pakistan i paesi più colpiti.



Washington (AsiaNews/Agenzie) – Ogni anno nei paesi in via di sviluppo quasi 11 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie di cui si ha a disposizione la cura. Lo denuncia il World Development Indicators, un rapporto pubblicato di recente dalla World Bank.

Secondo gli esperti le patologie che uccidono con più frequenza sono: dissenteria, morbillo, malaria e infezione respiratoria acuta. Il 28% dei bambini colpiti vive nel sudest asiatico e più del 50% dei decessi è concentrato in 6 paesi: Cina, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Nigeria e Pakistan.

Sono 4 milioni i neonati che muoiono prime delle 4 settimane di vita; di questi il 98% si trova nei paesi in via di sviluppo e il 36% nel solo sudest asiatico. Nelle nazioni più sviluppate la mortalità neonatale è 6,5 volte inferiore.

A questi dati vanno aggiunte le 529 mila madri che ogni anno muoiono sempre a causa di malattie curabili in altri paesi. Secondo il rapporto della World Bank solo per la malaria muoiono 2 milioni di persone l'anno; in Africa un bambino ogni 30 secondi. L'associazione Médecins Sans Frontières alcune settimane fa ha avvertito che le forme più virulente di malaria sono diventate resistenti ai medicinali più usati e ha esortato le organizzazioni internazionali ad adottare nuove e più efficaci strategie farmacologiche. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/03/2009 CAMBOGIA
Phnom Penh: bambini delle aree urbane prime vittime della crisi economica
06/08/2009 CAMBOGIA
Cambogia, emergenza malaria: in sei mesi 103 morti e 27mila contagi
12/03/2007 INDIA
Ogni anno in India per problemi sanitari 77mila donne muoiono di parto
di Nirmala Carvalho
09/02/2007 ASIA
Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
27/06/2012 ASIA
Influenza suina: il numero delle vittime - oltre mezzo milione - è 15 volte superiore a quelle dell'Oms

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate