29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/04/2005
ASIA
World Bank: 11 milioni di bambini all'anno muoiono per mancanza di cure

Il 28% dei decessi concentrato in Asia; India, Cina e Pakistan i paesi più colpiti.



Washington (AsiaNews/Agenzie) – Ogni anno nei paesi in via di sviluppo quasi 11 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie di cui si ha a disposizione la cura. Lo denuncia il World Development Indicators, un rapporto pubblicato di recente dalla World Bank.

Secondo gli esperti le patologie che uccidono con più frequenza sono: dissenteria, morbillo, malaria e infezione respiratoria acuta. Il 28% dei bambini colpiti vive nel sudest asiatico e più del 50% dei decessi è concentrato in 6 paesi: Cina, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Nigeria e Pakistan.

Sono 4 milioni i neonati che muoiono prime delle 4 settimane di vita; di questi il 98% si trova nei paesi in via di sviluppo e il 36% nel solo sudest asiatico. Nelle nazioni più sviluppate la mortalità neonatale è 6,5 volte inferiore.

A questi dati vanno aggiunte le 529 mila madri che ogni anno muoiono sempre a causa di malattie curabili in altri paesi. Secondo il rapporto della World Bank solo per la malaria muoiono 2 milioni di persone l'anno; in Africa un bambino ogni 30 secondi. L'associazione Médecins Sans Frontières alcune settimane fa ha avvertito che le forme più virulente di malaria sono diventate resistenti ai medicinali più usati e ha esortato le organizzazioni internazionali ad adottare nuove e più efficaci strategie farmacologiche. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/03/2009 CAMBOGIA
Phnom Penh: bambini delle aree urbane prime vittime della crisi economica
06/08/2009 CAMBOGIA
Cambogia, emergenza malaria: in sei mesi 103 morti e 27mila contagi
12/03/2007 INDIA
Ogni anno in India per problemi sanitari 77mila donne muoiono di parto
di Nirmala Carvalho
09/02/2007 ASIA
Asia, le economie più ricche e il maggior numero di poveri
27/06/2012 ASIA
Influenza suina: il numero delle vittime - oltre mezzo milione - è 15 volte superiore a quelle dell'Oms

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate