09/03/2009, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Wu Bangguo: la Cina non adotterà mai una democrazia di tipo occidentale

Fedelissimo dell’ex leader Jiang Zemin e n. 2 del Partito comunista, interviene contro chi chiede maggiore democrazia e rispetto dei diritti in Cina. E riafferma il ruolo essenziale e irrinunciabile del Partito nel Paese.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina non adotterà mai una democrazia secondo il modello occidentale e occorre impedire che i discorsi su democrazia e liberalizzazione indeboliscano il Partito comunista cinese. Wu Bangguo, numero 2 della gerarchia del Partito comunista, è intervenuto oggi all’Assemblea nazionale del popolo in corso a Pechino, stroncando le ripetute richieste presentate da molti, anche funzionari del Partito, per una maggiore democrazia e rispetto dei diritti umani.

In un lungo intervento, Wu ha sottolineato che la Cina non introdurrà mai un sistema “multipartitico che detenga [il potere] a rotazione”, né consentirà separazioni tra i poteri legislativo, esecutivo e giudiziario, oggi tutti controllati dal governo. Ha voluto in specie ribadire che il Pc continuerà a indicare modelli di azione e priorità a giudici e procuratori e che tutti gli organi pubblici “debbono aderire alle linee, principi e politiche del Pc”. Ha riaffermato la “via del socialismo con caratteristiche cinesi”.

Membro della cricca di Shanghai e fedelissimo dell’ex leader Jiang Zemin, quasi rispondendo a chi teme che le ingiustizie portino a tensioni sociali, Wu ha citato il detto di Deng che, senza il Pc, un Paese grande come la Cina “sarebbe lacerato dai conflitti e incapace di far nulla”.

Di recente nel Paese ci sono state ripetute richieste per maggiore democrazia e rispetto dei diritti, anche quale via per evitare il crescere di proteste di massa. Un documento in questo senso, Carta 08, ha raccolto l’adesione anche di importanti funzionari del Pc. Le proposte di riforme politiche in senso democratico e di distinzione tra Stato e Partito, tra Partito ed esercito risalgono agli anni ’80 ed erano suggerite dal Segretario del Partito di allora, Zhao Ziyang, esautorato poco prima del massacro di piazza Tiananmen.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino: centinaia di attivisti arrestati prima dell'Assemblea Nazionale del Popolo
02/03/2006
Critiche a Wen Jiabao: ai contadini diamo più diritti (e non solo più soldi)
07/03/2006
Da domani l'Assemblea nazionale del popolo per decidere la politica del 2009
04/03/2009
Campi di lavoro forzato, tra annunci e smentite continua il balletto del Partito
21/01/2013
Legge anti-secessione: la guerra, ultima scelta contro Taiwan
08/03/2005