26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 27/12/2016, 08.20

    CINA

    Wukan: condannati 9 abitanti per “proteste illegali”



    Nel 2011 il villaggio aveva ispirato molte rivolte degli abitanti contro la corruzione dei segretari del Partito che vendevano le loro terre intascando i guadagni. Le condanne sono un tentativo di soffocare questo “esempio” di democrazia.

    Guangzhou (AsiaNews/Agenzie) – Nove abitanti del villaggio di Wukan sono stati condannati a pene fino a 10 anni di prigione per “proteste illegali”. I fatti contestati risalgono all’estate scorsa, quando il loro leader Lin Zuluan era stato arrestato con l’accusa di corruzione. La corte di Haifeng, che ha emesso il giudizio sui nove, li ha accusati di cimini quali dimostrazioni illegali, disturbo del traffico e diffusione intenzionale di informazioni.

    Da giugno a settembre gli abitanti del villaggio hanno attuato proteste per la sua liberazione e per le mancate promesse di risarcimento, dopo che le loro terre erano state vendute dal segretario del Partito.

    Il villaggio di Wukan (Guangdong) era divenuto un simbolo di lotta per la democrazia e un simbolo per tutta la Cina. Nel 2011 i suoi abitanti hanno contestato le vendite di terre (v. foto) e dopo mesi di scontri con la polizia e di assedio erano riusciti ad ottenere la destituzione del segretario del Partito e l’avvio di elezioni democratiche in cui era stato eletto Lin Zuluan.

    In poco tempo Wukan è divenuto un “modello” seguito da altri villaggi in Cina, tutti colpiti da simili espropri e vendite corrotte. Wukan era uno dei pochi esempi in cui il Partito comunista aveva fatto un passo indietro, rispettando i diritti degli abitanti del villaggio. L’arresto di Lin Zuluan, con accuse che gli abitanti definiscono “false”, e la condanna delle nove persone sembra essere un regolamento di conti e un tentativo di cancellare “l’esempio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2016 08:36:00 CINA
    Raid della polizia contro il villaggio “democratico” di Wukan: arresti e feriti

    L’area continua a essere molto tesa, dopo la condanna a tre anni di carcere contro il capo-villaggio Lin Zuluan. I poliziotti usano gas lacrimogeni e proiettili di gomma per “tenere a bada i manifestanti” mentre perquisiscono le case. Un residente: “Ma il governo serve il popolo o se stesso?”.



    18/06/2016 12:18:00 CINA
    Come 5 anni fa: il villaggio di Wukan sotto “il pugno di ferro” della polizia

    Gli abitanti accusano le autorità di espropri di terreni e di immobilità nel fare giustizia. Arrestato il capo villaggio, che si preparava a tenere un discorso pubblico. Arresti domiciliari “volontari” per altri attivisti. Il 63% delle proteste in Cina sorge dall’esproprio delle terre ai contadini.



    22/07/2016 08:21:00 CINA
    Arrestato per corruzione l’ex capo villaggio di Wukan. Ma la gente lo sostiene

    Lin Zuluan ha “confessato” le sue malefatte in televisione, ma la gente continua a manifestare per la sua liberazione, agitando bandiere rosse.



    25/05/2006 Cina
    Cina, condannati al carcere gli abitanti di Dongzhou

    Il processo è durato due giorni: le pene per i contadini variano da tre a sette anni di reclusione, malgrado il governo avesse sanzionato il comportamento della polizia. Come avvenuto per le proteste popolari ed il successivo scontro, nessuna copertura mediatica dell'evento.



    07/02/2006 Cina
    Cina, contadini difendono attivista per i diritti umani

    Continua la protesta nelle campagne cinesi, sempre di più in tensione per il malgoverno e la corruzione dei leader. Ogni giorno Pechino registra fra le 120 e le 230 proteste sociali.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®