23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 11/09/2012, 00.00

    CINA

    Xi Jinping assente da 10 giorni: indisposizione, purga o attentato

    Wang Zhicheng

    Il futuro presidente "in pectore" non si è presentato a diversi incontri con personalità straniere e a un incontro del Partito. Voci di tensioni nella leadership e addirittura un possibile attentato alla sua vita da parte di sostenitori di Bo Xilai. Bloccata la ricerca su internet.

    Pechino (AsiaNews) - La vistosa assenza del vicepresidente Xi Jinping per 10 giorni ha scatenato una ridda di voci e di ipotesi, mentre su internet ogni ricerca sul suo nome rimane bloccata.

    Ieri Xi Jinping non si è presentato a un incontro con il primo ministro danese, in visita nel Paese. Eppure l'ufficio stampa aveva annunciato tempo prima la sua presenza. Quattro giorni fa Xi non ha partecipato a un incontro dei vertici del Partito e sette giorni fa non ha avuto un previsto incontro con Hillary Clinton, segretario di Stato Usa. Cancellati anche le visite con il premier di Singapore e dei diplomatici russi.

    Il 1mo settembre è l'ultima volta che Xi Jinping è stato visto in pubblico, alla Scuola centrale del Partito, dove egli ha tenuto un discorso. Da allora, pur con tutti questi incontri cassati, non vi è alcuna informazione ufficiale su di lui.

    Xi Jinping è stato ampiamente designato come il futuro presidente e segretario generale del Partito, successore di Hu Jintao al prossimo Congresso del Partito comunista che dovrebbe tenersi in ottobre.  La successione e il rimescolamento delle cariche al Comitato centrale del Politburo - vera cupola del potere in Cina - sono stati scossi dallo scandalo che ha coinvolto Bo Xilai e sua moglie, come pure dalle tensioni fra le "cricche" della leadership, tanto che la data del Congresso non è stata ancora fissata.

    La situazione di incertezza e le lotte intestine spingono molti a fare ipotesi sulla scomparsa di Xi dalla scena pubblica per così tanto tempo.

    Alcuni pensano che essendo Xi uno del partito dei "principini", i figli arricchiti dei grandi del passato, abbia grossi problemi con Hu Jintao, del gruppo della Gioventù comunista. Altri suppongono che egli sia malato, forse colpito da mal di schiena - di cui egli soffre - dopo una partita di pallone o una nuotata.

    Ma vi è perfino chi suppone che Xi Jinping sia vittima di un attentato ad opera di militanti fedeli a Bo Xilai, anch'egli uno dei "principini", escluso dalla corsa al potere e forzatamente dimesso dalla carica di capo del Partito a Chongqing.

    Il sito di Boxun - non sempre attendibile - afferma che Xi sarebbe ricoverato all'ospedale militare 301 di Pechino per una ferita alla schiena. Egli avrebbe subito un attentato su mandato degli amici di Bo e del capo della sicurezza nazionale Zhou Yongkang: l'auto di Xi sarebbe rimasta schiacciata fra due auto. Ma dopo alcune ore l'articolo è stato tolto.

    Hong Lei, portavoce del ministero degli esteri, ha dichiarato che le cancellazioni degli incontri sono un "normale aggiustamento" e che egli non aveva "informazioni rilevanti" su Xi.

    Le risposte di Hong non convincono e le ipotesi rischiano di gonfiarsi. Ad accrescere le speculazioni si aggiunge la censura: ieri il motore di ricerca del Sinaweibo non dava alcun risultato per la voce "Xi Jinping", motivato dalla "legge e regolamenti" della Cina.

    Giornalisti e accademici hanno criticato lo stile di segretezza di cui la leadership cinese è circondata da decenni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/10/2017 08:40:00 CINA
    Prima del Congresso del Partito cadono ancora teste per corruzione

    Espulso He Ting, capo della polizia di Chongqing; sotto inchiesta il vice-sindaco Mu Huaping e Xia Chongyuan, ex direttore del dipartimento politico del ministero della Pubblica sicurezza. He è accusato di corruzione, ma anche di “attività superstiziose”, un’accusa sempre più diffusa nelle condanne verso i membri del Partito, che sono tenuti al più stretto ateismo. La campagna anti-corruzione di Xi Jinping ha eliminato 250 alti membri e punito almeno 1,4 milioni di quadri.



    18/09/2012 CINA
    In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
    Ieri vi è stata una sessione segreta. Oggi si apre la sessione pubblica, ma proibita ai giornalisti. Wang è accusato di corruzione e di uso della legge a scopi egoistici, ma soprattutto di esser fuggito per cercare rifugio nel consolato Usa di Chengdu. La sua fuga ha portato alla caduta di Bo Xilai e alla condanna a morte della moglie Gu Kailai, e alla rivelazione della corruzione presente nel Partito.

    20/08/2012 CINA
    Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai
    La sentenza è sospesa per due anni. Se Gu Kailai si comporterà bene, la condanna si tramuterà in ergastolo e forse potrà essere liberata per motivi medici. Due milioni di commenti sui blog cinesi. Quattro capi di dipartimento della polizia di Chongqing sono stati condannati alla prigione per aver nascosto le prove dell'assassinio di cui è responsabile Gu. La Gran bretagna apprezza che al processo non si faccia uso della pena di morte.

    15/11/2012 CINA
    I nuovi timonieri, vittime e carnefici del Partito comunista cinese
    Xi Jinping ha sofferto per le violenze durante la Rivoluzione culturale; Yu Zhengsheng ha visto morire sei membri della sua famiglia, ma il nuovo capo esalta con orgoglio i risultati del Partito in questi anni. Ha promesso lotta alla corruzione e al formalismo, ma pare aver dimenticato tutti i consigli per una democrazia interna, maggiore diffusione della ricchezza, sostegno al capitale privato. Ma la sua elezione è frutto del potere della "cricca di Shanghai", difensore degli interessi dei "principini" e dei monopoli industriali.

    08/11/2012 CINA
    Hu Jintao: il "canto del cigno" in 90 minuti
    Il presidente uscente si scaglia contro la corruzione, che potrebbe causare "la caduta del Partito". La legge deve perseguire tutti, senza guardare in faccia al loro ruolo o potere. Ribadito lo "sviluppo scientifico" per un equilibrio fra sviluppo economico e sociale. La Cina deve modernizzare l'esercito e divenire una grande potenza marittima per salvaguardare i propri confini. Il Pcc è insieme il medico e l'ammalato.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®