2 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/09/2012
CINA
Xi Jinping assente da 10 giorni: indisposizione, purga o attentato
di Wang Zhicheng
Il futuro presidente "in pectore" non si è presentato a diversi incontri con personalità straniere e a un incontro del Partito. Voci di tensioni nella leadership e addirittura un possibile attentato alla sua vita da parte di sostenitori di Bo Xilai. Bloccata la ricerca su internet.

Pechino (AsiaNews) - La vistosa assenza del vicepresidente Xi Jinping per 10 giorni ha scatenato una ridda di voci e di ipotesi, mentre su internet ogni ricerca sul suo nome rimane bloccata.

Ieri Xi Jinping non si è presentato a un incontro con il primo ministro danese, in visita nel Paese. Eppure l'ufficio stampa aveva annunciato tempo prima la sua presenza. Quattro giorni fa Xi non ha partecipato a un incontro dei vertici del Partito e sette giorni fa non ha avuto un previsto incontro con Hillary Clinton, segretario di Stato Usa. Cancellati anche le visite con il premier di Singapore e dei diplomatici russi.

Il 1mo settembre è l'ultima volta che Xi Jinping è stato visto in pubblico, alla Scuola centrale del Partito, dove egli ha tenuto un discorso. Da allora, pur con tutti questi incontri cassati, non vi è alcuna informazione ufficiale su di lui.

Xi Jinping è stato ampiamente designato come il futuro presidente e segretario generale del Partito, successore di Hu Jintao al prossimo Congresso del Partito comunista che dovrebbe tenersi in ottobre.  La successione e il rimescolamento delle cariche al Comitato centrale del Politburo - vera cupola del potere in Cina - sono stati scossi dallo scandalo che ha coinvolto Bo Xilai e sua moglie, come pure dalle tensioni fra le "cricche" della leadership, tanto che la data del Congresso non è stata ancora fissata.

La situazione di incertezza e le lotte intestine spingono molti a fare ipotesi sulla scomparsa di Xi dalla scena pubblica per così tanto tempo.

Alcuni pensano che essendo Xi uno del partito dei "principini", i figli arricchiti dei grandi del passato, abbia grossi problemi con Hu Jintao, del gruppo della Gioventù comunista. Altri suppongono che egli sia malato, forse colpito da mal di schiena - di cui egli soffre - dopo una partita di pallone o una nuotata.

Ma vi è perfino chi suppone che Xi Jinping sia vittima di un attentato ad opera di militanti fedeli a Bo Xilai, anch'egli uno dei "principini", escluso dalla corsa al potere e forzatamente dimesso dalla carica di capo del Partito a Chongqing.

Il sito di Boxun - non sempre attendibile - afferma che Xi sarebbe ricoverato all'ospedale militare 301 di Pechino per una ferita alla schiena. Egli avrebbe subito un attentato su mandato degli amici di Bo e del capo della sicurezza nazionale Zhou Yongkang: l'auto di Xi sarebbe rimasta schiacciata fra due auto. Ma dopo alcune ore l'articolo è stato tolto.

Hong Lei, portavoce del ministero degli esteri, ha dichiarato che le cancellazioni degli incontri sono un "normale aggiustamento" e che egli non aveva "informazioni rilevanti" su Xi.

Le risposte di Hong non convincono e le ipotesi rischiano di gonfiarsi. Ad accrescere le speculazioni si aggiunge la censura: ieri il motore di ricerca del Sinaweibo non dava alcun risultato per la voce "Xi Jinping", motivato dalla "legge e regolamenti" della Cina.

Giornalisti e accademici hanno criticato lo stile di segretezza di cui la leadership cinese è circondata da decenni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/09/2012 CINA
In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
di Wang Zhicheng
15/11/2012 CINA
I nuovi timonieri, vittime e carnefici del Partito comunista cinese
di Bernardo Cervellera
20/08/2012 CINA
Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai
28/12/2012 CINA
I 'principini', figli degli 'Immortali' del Partito, sono i nuovi padroni della Cina
di Wang Zhicheng
22/12/2012 CINA
No a banchetti e amanti: il Partito comunista cinese tenta la riforma morale

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate