24 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/09/2012
CINA
Xi Jinping assente da 10 giorni: indisposizione, purga o attentato
di Wang Zhicheng
Il futuro presidente "in pectore" non si è presentato a diversi incontri con personalità straniere e a un incontro del Partito. Voci di tensioni nella leadership e addirittura un possibile attentato alla sua vita da parte di sostenitori di Bo Xilai. Bloccata la ricerca su internet.

Pechino (AsiaNews) - La vistosa assenza del vicepresidente Xi Jinping per 10 giorni ha scatenato una ridda di voci e di ipotesi, mentre su internet ogni ricerca sul suo nome rimane bloccata.

Ieri Xi Jinping non si è presentato a un incontro con il primo ministro danese, in visita nel Paese. Eppure l'ufficio stampa aveva annunciato tempo prima la sua presenza. Quattro giorni fa Xi non ha partecipato a un incontro dei vertici del Partito e sette giorni fa non ha avuto un previsto incontro con Hillary Clinton, segretario di Stato Usa. Cancellati anche le visite con il premier di Singapore e dei diplomatici russi.

Il 1mo settembre è l'ultima volta che Xi Jinping è stato visto in pubblico, alla Scuola centrale del Partito, dove egli ha tenuto un discorso. Da allora, pur con tutti questi incontri cassati, non vi è alcuna informazione ufficiale su di lui.

Xi Jinping è stato ampiamente designato come il futuro presidente e segretario generale del Partito, successore di Hu Jintao al prossimo Congresso del Partito comunista che dovrebbe tenersi in ottobre.  La successione e il rimescolamento delle cariche al Comitato centrale del Politburo - vera cupola del potere in Cina - sono stati scossi dallo scandalo che ha coinvolto Bo Xilai e sua moglie, come pure dalle tensioni fra le "cricche" della leadership, tanto che la data del Congresso non è stata ancora fissata.

La situazione di incertezza e le lotte intestine spingono molti a fare ipotesi sulla scomparsa di Xi dalla scena pubblica per così tanto tempo.

Alcuni pensano che essendo Xi uno del partito dei "principini", i figli arricchiti dei grandi del passato, abbia grossi problemi con Hu Jintao, del gruppo della Gioventù comunista. Altri suppongono che egli sia malato, forse colpito da mal di schiena - di cui egli soffre - dopo una partita di pallone o una nuotata.

Ma vi è perfino chi suppone che Xi Jinping sia vittima di un attentato ad opera di militanti fedeli a Bo Xilai, anch'egli uno dei "principini", escluso dalla corsa al potere e forzatamente dimesso dalla carica di capo del Partito a Chongqing.

Il sito di Boxun - non sempre attendibile - afferma che Xi sarebbe ricoverato all'ospedale militare 301 di Pechino per una ferita alla schiena. Egli avrebbe subito un attentato su mandato degli amici di Bo e del capo della sicurezza nazionale Zhou Yongkang: l'auto di Xi sarebbe rimasta schiacciata fra due auto. Ma dopo alcune ore l'articolo è stato tolto.

Hong Lei, portavoce del ministero degli esteri, ha dichiarato che le cancellazioni degli incontri sono un "normale aggiustamento" e che egli non aveva "informazioni rilevanti" su Xi.

Le risposte di Hong non convincono e le ipotesi rischiano di gonfiarsi. Ad accrescere le speculazioni si aggiunge la censura: ieri il motore di ricerca del Sinaweibo non dava alcun risultato per la voce "Xi Jinping", motivato dalla "legge e regolamenti" della Cina.

Giornalisti e accademici hanno criticato lo stile di segretezza di cui la leadership cinese è circondata da decenni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/09/2012 CINA
In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
di Wang Zhicheng
15/11/2012 CINA
I nuovi timonieri, vittime e carnefici del Partito comunista cinese
di Bernardo Cervellera
20/08/2012 CINA
Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai
08/11/2012 CINA
Hu Jintao: il "canto del cigno" in 90 minuti
di Wang Zhicheng
28/12/2012 CINA
I 'principini', figli degli 'Immortali' del Partito, sono i nuovi padroni della Cina
di Wang Zhicheng

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate