27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/09/2012
CINA
Xi Jinping assente da 10 giorni: indisposizione, purga o attentato
di Wang Zhicheng
Il futuro presidente "in pectore" non si è presentato a diversi incontri con personalità straniere e a un incontro del Partito. Voci di tensioni nella leadership e addirittura un possibile attentato alla sua vita da parte di sostenitori di Bo Xilai. Bloccata la ricerca su internet.

Pechino (AsiaNews) - La vistosa assenza del vicepresidente Xi Jinping per 10 giorni ha scatenato una ridda di voci e di ipotesi, mentre su internet ogni ricerca sul suo nome rimane bloccata.

Ieri Xi Jinping non si è presentato a un incontro con il primo ministro danese, in visita nel Paese. Eppure l'ufficio stampa aveva annunciato tempo prima la sua presenza. Quattro giorni fa Xi non ha partecipato a un incontro dei vertici del Partito e sette giorni fa non ha avuto un previsto incontro con Hillary Clinton, segretario di Stato Usa. Cancellati anche le visite con il premier di Singapore e dei diplomatici russi.

Il 1mo settembre è l'ultima volta che Xi Jinping è stato visto in pubblico, alla Scuola centrale del Partito, dove egli ha tenuto un discorso. Da allora, pur con tutti questi incontri cassati, non vi è alcuna informazione ufficiale su di lui.

Xi Jinping è stato ampiamente designato come il futuro presidente e segretario generale del Partito, successore di Hu Jintao al prossimo Congresso del Partito comunista che dovrebbe tenersi in ottobre.  La successione e il rimescolamento delle cariche al Comitato centrale del Politburo - vera cupola del potere in Cina - sono stati scossi dallo scandalo che ha coinvolto Bo Xilai e sua moglie, come pure dalle tensioni fra le "cricche" della leadership, tanto che la data del Congresso non è stata ancora fissata.

La situazione di incertezza e le lotte intestine spingono molti a fare ipotesi sulla scomparsa di Xi dalla scena pubblica per così tanto tempo.

Alcuni pensano che essendo Xi uno del partito dei "principini", i figli arricchiti dei grandi del passato, abbia grossi problemi con Hu Jintao, del gruppo della Gioventù comunista. Altri suppongono che egli sia malato, forse colpito da mal di schiena - di cui egli soffre - dopo una partita di pallone o una nuotata.

Ma vi è perfino chi suppone che Xi Jinping sia vittima di un attentato ad opera di militanti fedeli a Bo Xilai, anch'egli uno dei "principini", escluso dalla corsa al potere e forzatamente dimesso dalla carica di capo del Partito a Chongqing.

Il sito di Boxun - non sempre attendibile - afferma che Xi sarebbe ricoverato all'ospedale militare 301 di Pechino per una ferita alla schiena. Egli avrebbe subito un attentato su mandato degli amici di Bo e del capo della sicurezza nazionale Zhou Yongkang: l'auto di Xi sarebbe rimasta schiacciata fra due auto. Ma dopo alcune ore l'articolo è stato tolto.

Hong Lei, portavoce del ministero degli esteri, ha dichiarato che le cancellazioni degli incontri sono un "normale aggiustamento" e che egli non aveva "informazioni rilevanti" su Xi.

Le risposte di Hong non convincono e le ipotesi rischiano di gonfiarsi. Ad accrescere le speculazioni si aggiunge la censura: ieri il motore di ricerca del Sinaweibo non dava alcun risultato per la voce "Xi Jinping", motivato dalla "legge e regolamenti" della Cina.

Giornalisti e accademici hanno criticato lo stile di segretezza di cui la leadership cinese è circondata da decenni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/09/2012 CINA
In segreto e poi in pubblico si apre il processo contro Wang Lijun
di Wang Zhicheng
15/11/2012 CINA
I nuovi timonieri, vittime e carnefici del Partito comunista cinese
di Bernardo Cervellera
20/08/2012 CINA
Pena di morte per Gu Kailai. Sempre silenzio su Bo Xilai
08/11/2012 CINA
Hu Jintao: il "canto del cigno" in 90 minuti
di Wang Zhicheng
28/12/2012 CINA
I 'principini', figli degli 'Immortali' del Partito, sono i nuovi padroni della Cina
di Wang Zhicheng

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate