16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/04/2017, 14.11

    CINA

    Xinjiang, cinque cristiani protestanti condannati fino a cinque anni di carcere



    Erano parte di un gruppo di 40 cristiani riuniti per studiare la Bibbia. Gli arresti durante la riunione per “adunata al fine di interrompere l'ordine sociale”. Per due volte i procuratori hanno rimandato il caso per ulteriori indagini prima di incriminarli. Tutti si sono dichiarati non colpevoli e ricorreranno in appello

    Pechino (AsiaNews/Chrd) – Il 18 aprile scorso un tribunale dello Xinjiang ha condannato cinque cristiani a pene dai tre ai cinque anni di reclusione ciascuno, per aver “radunato una folla al fine di rompere l'ordine sociale”. La decisione del tribunale del popolo della città di Chongji arriva a seguito di un processo che si è svolto il 27 ottobre 2016. Tutti e cinque, di etnia han cinese, si sono dichiarati non colpevoli e hanno rivelato l’intenzione di ricorrere in appello. Questi sono coloro che hanno ricevuto la condanna:

    - Yang Zhaocun (杨兆存), 38enne pastore originaria di Jinchang, nel Gansu. Condannata a cinque anni di reclusione. 

    - Wang Lulu (王璐璐), 28enne pastore originario di Yan’an, nello Shaanxi. Condannato a cinque anni di reclusione. 

    - Cheng Yajie (程亚杰), 26 anni, condannata a quattro anni di reclusione. Cheng è originaria della contea di  Manas, nella prefettura autonoma di Chongji, Xinjiang.

    - Liu Yan (刘燕), 40enne dirigente sanitaria originaria della città di Chongji. Condannata a tre anni di reclusione.

    - Ms. Zheng Lan (郑兰), 68 anni, condannata a tre anni di reclusione. Zheng è originaria di Xuchang City, nella provincia dell’Henan.

    I cinque erano parte di un gruppo di 40 cristiani provenienti dallo Xinjiang e dalle province vicine. Si erano riuniti a Changji il 5 marzo 2016 per un gruppo di studio biblico quando un gran numero di agenti di polizia armati ha interrotto l'attività. La polizia ha arrestato Yang, Wang, Cheng e Zheng durante la riunione, in principio con l’accusa di “assemblea illegale”. Il giorno seguente l’accusa è stata cambiata in “adunata al fine di rompere l'ordine sociale”. Una settimana dopo, la polizia ha arrestato Liu Yan, che aveva aiutato a trasportare i partecipanti alla riunione. La polizia ha formalmente arrestato i cinque l'11 aprile 2016. È stato riportato che per due volte i procuratori hanno rimandato il caso per ulteriori indagini, prima di incriminarli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/08/2013 CINA
    Xinjiang, arrestato un pastore protestante
    La polizia ha portato via Tan Wen dalla chiesa Muen di Urumqi, capitale provinciale, e ha sequestrato Bibbie e altri libri religiosi senza alcun documento legale per giustificare il raid. Secondo alcune fonti, si tratta di una ritorsione per la denuncia presentata dal religioso contro l’Ufficio di pubblica sicurezza locale.

    22/12/2006 CINA
    Pechino, nuove violenze contro i cristiani delle chiese domestiche
    Un gruppo di agenti di polizia ha arrestato senza mandato 12 cristiani della capitale. Per farlo, ha chiesto l’aiuto di un gruppo di ignoti. Nuovi arresti anche nel Zhejiang, alla vigilia del processo contro i leader protestanti di Xiaoshan.

    23/03/2006 Cina
    Cina, nuove violenze contro i cristiani protestanti

    Non si ferma la persecuzione nei confronti dei cristiani non ufficiali di tutta la Cina. Dopo il Xinjiang e lo Shanxi, nuovi arresti e violenze nell'Hunan e nell'Hebei.



    27/10/2006 CINA
    Xinjiang, arrestati un pastore e 35 cristiani non ufficiali

    La polizia della provincia settentrionale ha attaccato i partecipanti ad un incontro biblico che si teneva nella periferia della capitale, guidato da un pastore coreano che vive negli Stati Uniti, ed ha sequestrato Bibbie ed "altro materiale cristiano".



    23/12/2006 CINA
    Xiaoshan, carcere per gli 8 cristiani che si opponevano alla distruzione della loro chiesa
    Le pene variano da 3 anni e mezzo ad un anno di carcere. Nel corso dell’udienza fiume, durata 12 ore, una imputata di 75 si è sentita male ed è stata ricoverata d’urgenza. Osservatori parlano di verdetto scritto già da molto tempo.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®