19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/12/2017, 11.14

    CINA

    Xinjiang: due giovani Uiguri muoiono sotto custodia in ‘circostanze sospette’



    Erano tornati dall’Egitto volontariamente all’inizio dell’anno. Sono stati imprigionati all’arrivo. Il fratello poliziotto di uno dei due è stato licenziato perché aveva iniziato a fare domande. Continua la repressione dell’etnia a maggioranza islamica.

    Pechino (AsiaNews/Rfa) – Sono morti in custodia due studenti uiguri ritornati dall’Egitto alla regione dello Xinjiang, nella Cina nord-occidentale. Nel corso dell’anno, le autorità cinesi hanno fatto più volte appello al gruppo etnico a maggioranza musulmana a fare ritorno nel Paese.

    Una fonte anonima dello Xinjiang di Radio Free Asia (Rfa) riferisce che i due studenti Abdusalam Mamat e Yasinjan (in foto) avevano iniziato a studiare all’università islamica di Al Azhar al Cairo rispettivamente nel 2015 e 2016. Rispettando un ordine del governo locale che richiedeva agli Uiguri all’estero di rientrare per “registrarsi”, Mamat ha fatto ritorno volontariamente a Korla, città natale a gennaio, seguito da Yasinjan tre mesi dopo.

    I due studenti sono stati imprigionati al loro arrivo in Cina, e sono morti in circostanze sospette in custodia. Non avevano problemi di salute precedenti.

    Mamat era il figlio dell’imam della moschea Juma, la grande moschea della città. Yasinjan, invece, era il fratello di un ufficiale di polizia locale, che per sette-otto anni ha lavorato nella prigione locale. Il segretario del partito comunista del Villaggio Aq-Eriq, a Korla, riferisce a Rfa che 23 persone sono attualmente sotto custodia e conferma la morte dei due studenti “in prigione”. “Neanche suo fratello poliziotto [di Yasinjan] ha potuto salvargli la vita”, ha riferito il segretario, aggiungendo che l’ufficiale è stato “licenziato perché ha cominciato a fare domande sul imprigionamento di Yasinjian”.

    Sono circa 20 gli uiguri studenti di cui da mesi non si hanno notizia. Più di 200, molti dei quali tornati dall’università Al Azhar, sono detenuti sin dal 4 luglio. Erano stati catturati in ristoranti, a casa, e in alcuni casi all’aeroporto mentre cercavano di raggiungere Paesi più sicuri. Lo scorso settembre, 29 Uiguri sono stati catturati e deportati in Cina dalla Malaysia.

    In nome alla lotta contro il terrorismo, Pechino attua da decenni una politica di repressione verso la popolazione, insieme a un controllo serrato delle attività religiose. Ad esempio, impone il divieto ai musulmani uiguri di digiunare durante il mese del Ramadan e l’obbligo ad installare sui propri cellulari un’applicazione che consente di tenerli sotto controllo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2017 12:07:00 CINA
    Xinjiang, Pechino vieta l’uso e l’insegnamento della lingua uigura nelle scuole

    L’ordinanza entrerà in vigore dall’inizio dell’anno scolastico. Gli istituti vengono obbligati ad adottare il mandarino, secondo il principio dell'educazione bilingue. Il governo annuncia dure sanzioni per chiunque “raggiri la normativa, finga di attuarla, o agisca in altro modo”. Gli uiguri denunciano un piano per eliminare la propria lingua madre e aumentare la loro assimilazione alla cultura cinese han.



    05/09/2009 CINA
    A Urumqi riprende la vita “normale”, dopo che ieri si è sfiorato lo scontro etnico
    Decine di migliaia di han per 2 giorni scendono in piazza e protestano contro le centinaia di misteriose aggressioni contro i passanti “pugnalati” con una siringa. Scontri e 5 morti due giorni fa. La polizia ferma oltre 1000 han che cercano di penetrare nei quartieri uiguri.

    28/07/2009 GIAPPONE - CINA
    La leader uiguri Rebiya Kadeer è in Giappone. Proteste di Pechino
    La leader in esilio terrà conferenze stampa e forse incontrerà parlamentari del partito di governo. La Cina minaccia che questo può compromettere i rapporti tra i Paesi. Intanto nello Xinjiang internet è ripristinato solo per chi vuole lo Stato.

    12/10/2009 CINA
    Sei condanne a morte per i disordini nello Xinjiang
    I condannati ritenuti responsabili di omicidio e altri reati durante le proteste del luglio scorso. Le autorità mostrano di voler chiudere gli accertamenti penali subito e con condanne esemplari: in meno di un mese si è giunti dall’accusa formale alla condanna a morte.

    13/07/2009 CINA
    Cina: nuove violenze nello Xinjiang, altri due morti fra gli uiguri
    Fonti ufficiali parlano di un intervento della polizia per sedare uno scontro fra i membri della minoranza musulmana locale. I media di Stato denunciano una “campagna orchestrata” alla base delle proteste contro le rappresentanze diplomatiche cinesi.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®