18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2012, 00.00

    MYANMAR – STATI UNITI

    Yangon, centinaia di birmani marciano per la pace nello Stato Kachin



    I manifestanti hanno lanciato slogan e canti, fra cui “Fine della guerra civile”. Il conflitto nel nord un nodo scoperto che l’esecutivo non riesce a risolvere e scarica le responsabilità sui due fronti. A Washington incontro fra due Nobel per la pace: Obama e Aung San Suu Kyi. Il governo Usa rimuove le sanzioni “individuali” contro Thein Sein e il presidente del Parlamento.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - In concomitanza con la Giornata internazionale della Pace, che si celebra oggi in tutto il mondo, per le strade di Yangon centinaia di cittadini hanno marciato invocando la fine del conflitto fra l'esercito birmano e truppe ribelli Kachin, nell'omonimo Stato a nord del Myanmar. Intanto il governo statunitense ha rimosso le sanzioni economiche e commerciali "individuali" nei confronti del presidente birmano Thein Sein e del presidente del Parlameno Thura Shwe Mann. Una decisione che avvicina ancora di più Naypyidaw e Washington, mentre Aung San Suu Kyi ha incontrato il capo di Stato Usa Barack Obama in uno storico "faccia a faccia" fra i due Nobel per la pace.

    In una manifestazione colorata, allegra e soprattutto pacifica, almeno 200 persone - fra cui artisti Kachin e membri della società civile - hanno sfilato per le vie di Yangon lanciando slogan fra cui "Fine della guerra civile" nello Stato settentrionale Kachin. Il governo riformista del presidente Thein Sein nell'ultimo anno ha raggiunto almeno una decina di cessate il fuoco con altri gruppi etnici. Tuttavia resta aperto il fronte settentrionale, nella regione a maggioranza cristiana al confine con la Cina, dove da mesi si susseguono violenze fra militari e milizie ribelli.

    All'evento di Yangon si sono uniti anche gruppi di attivisti diretti in precedenza verso la capitale; le forze di sicurezza li hanno bloccati e rispediti al mittente. Nonostante gli appelli della società civile e le promesse dell'esecutivo, la questione Kachin resta un nodo scoperto che rischia di incrinare il cammino del presidente riformista Thein Sein e della leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi. Secondo il portavoce del capo di Stato, inoltre, il governo centrale ha scarsa influenza sull'esercito impegnato nel nord. "Il ritiro delle truppe - affermano fonti dell'esecutivo - è un qualcosa che devono raggiungere i vertici dei due eserciti in modo autonomo".

    Intanto la leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld), impegnata in uno storico viaggio negli Stati Uniti, ha incontrato il presidente Usa Barack Obama e ricevuto dal congresso la più alta onorificenza civile per la sua battaglia a favore della democrazia. A sorpresa, alla cerimonia di premiazione al Parlamento statunitense erano presenti anche Aung Min e Than Swe, neo ambasciatore birmano a Washington. In particolare, è significativa la presenza di Aung Min, ministro chiave nell'esecutivo di Thein Sein (atteso nei prossimi giorni a New York, per l'Assemblea generale Onu), che ha ricevuto - e mostrato di apprezzare - un encomio particolare da Hillary Clinton e dalla "Signora" birmana per il suo sforzo teso alla riconciliazione in Myanmar.

    Dal canto suo, Aung San Suu Kyi ha incassato il sostegno politico del governo Usa e del presidente Obama per il suo lavoro a favore della pace, della riconciliazione e delle riforme sociali ed economiche. Condannando l'uso della violenza come elemento di risoluzione dei conflitti, la leader della Nld ha bollato quanti fomentano gli scontri come elementi che "minano le fondamenta dei diritti umani". A margine del suo intervento la donna ha lanciato un appello per la liberazione delle Pussy Riot, trio di cantanti punk russe condannate a due anni di galera per "teppismo a sfondo religioso". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/11/2012 MYANMAR – STATI UNITI
    Attivista cattolico: Obama plaude alle riforme, nello Stato Kachin continuano le violenze
    All’università di Yangon il presidente Usa parla di cambiamenti e assicura il sostegno di Washington alla crescita (economica) della nazione. Leader Kachin plaude al discorso, ma non nasconde i timori di una legittimazione affrettata dell’esecutivo birmano e critica Aung San Suu Kyi. Nel nord si combatte e si muore nel silenzio generale.

    17/08/2009 MYANMAR – STATI UNITI
    Yangon, Aung San Suu Kyi “non è contraria” all’alleggerimento delle sanzioni
    Lo riferisce il senatore Usa Jim Webb, che ha incontrato la leader dell’opposizione birmana. Va ripensata la politica verso la giunta militare, che in questi anni si è rivelata inefficace. John Yettaw, l’attivista Usa che ha causato il nuovo arresto della premio Nobel, ha lasciato il Paese.

    04/11/2009 MYANMAR – STATI UNITI
    Yangon, Aung San Suu Kyi incontra diplomatici Usa
    Il faccia a faccia è iniziato verso le 11.30 all’Innya Lake hotel, a Yangon. In mattinata Campbell e Marciel hanno incontrato il Primo Ministro birmano; nessun contatto, invece, con Than Shwe, leader della giunta militare al potere. Ex diplomatico birmano: “Il generalissimo non è disposto a compromessi”.

    03/11/2009 MYANMAR – STATI UNITI
    Alti funzionari Usa in missione diplomatica in Myanmar
    Kurt Campbell, vice-segretario di Stato Usa e Scot Marciel incontreranno la leadership militare e Aung San Suu Kyi. Sembra escluso, invece, un faccia a faccia con il generalissimo Than Shwe. L’amministrazione Obama cerca il dialogo con la dittatura; l’opposizione birmana non si aspetta “grandi cambiamenti”.

    18/05/2012 MYANMAR – STATI UNITI
    Washington rimuove parte delle sanzioni al Myanmar e nomina l’ambasciatore
    Il presidente Usa Obama parla di un “nuovo capitolo” nelle relazioni fra Stati Uniti ed ex Birmania. Dereck Mitchell guiderà la diplomazia Usa nel Paese del Sud-est asiatico dopo 22 anni di vuoto. Hillary Clinton invita gli uomini d’affari americani a investire “in modo responsabile”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®