28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/09/2012
MYANMAR – STATI UNITI
Yangon, centinaia di birmani marciano per la pace nello Stato Kachin
I manifestanti hanno lanciato slogan e canti, fra cui “Fine della guerra civile”. Il conflitto nel nord un nodo scoperto che l’esecutivo non riesce a risolvere e scarica le responsabilità sui due fronti. A Washington incontro fra due Nobel per la pace: Obama e Aung San Suu Kyi. Il governo Usa rimuove le sanzioni “individuali” contro Thein Sein e il presidente del Parlamento.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - In concomitanza con la Giornata internazionale della Pace, che si celebra oggi in tutto il mondo, per le strade di Yangon centinaia di cittadini hanno marciato invocando la fine del conflitto fra l'esercito birmano e truppe ribelli Kachin, nell'omonimo Stato a nord del Myanmar. Intanto il governo statunitense ha rimosso le sanzioni economiche e commerciali "individuali" nei confronti del presidente birmano Thein Sein e del presidente del Parlameno Thura Shwe Mann. Una decisione che avvicina ancora di più Naypyidaw e Washington, mentre Aung San Suu Kyi ha incontrato il capo di Stato Usa Barack Obama in uno storico "faccia a faccia" fra i due Nobel per la pace.

In una manifestazione colorata, allegra e soprattutto pacifica, almeno 200 persone - fra cui artisti Kachin e membri della società civile - hanno sfilato per le vie di Yangon lanciando slogan fra cui "Fine della guerra civile" nello Stato settentrionale Kachin. Il governo riformista del presidente Thein Sein nell'ultimo anno ha raggiunto almeno una decina di cessate il fuoco con altri gruppi etnici. Tuttavia resta aperto il fronte settentrionale, nella regione a maggioranza cristiana al confine con la Cina, dove da mesi si susseguono violenze fra militari e milizie ribelli.

All'evento di Yangon si sono uniti anche gruppi di attivisti diretti in precedenza verso la capitale; le forze di sicurezza li hanno bloccati e rispediti al mittente. Nonostante gli appelli della società civile e le promesse dell'esecutivo, la questione Kachin resta un nodo scoperto che rischia di incrinare il cammino del presidente riformista Thein Sein e della leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi. Secondo il portavoce del capo di Stato, inoltre, il governo centrale ha scarsa influenza sull'esercito impegnato nel nord. "Il ritiro delle truppe - affermano fonti dell'esecutivo - è un qualcosa che devono raggiungere i vertici dei due eserciti in modo autonomo".

Intanto la leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld), impegnata in uno storico viaggio negli Stati Uniti, ha incontrato il presidente Usa Barack Obama e ricevuto dal congresso la più alta onorificenza civile per la sua battaglia a favore della democrazia. A sorpresa, alla cerimonia di premiazione al Parlamento statunitense erano presenti anche Aung Min e Than Swe, neo ambasciatore birmano a Washington. In particolare, è significativa la presenza di Aung Min, ministro chiave nell'esecutivo di Thein Sein (atteso nei prossimi giorni a New York, per l'Assemblea generale Onu), che ha ricevuto - e mostrato di apprezzare - un encomio particolare da Hillary Clinton e dalla "Signora" birmana per il suo sforzo teso alla riconciliazione in Myanmar.

Dal canto suo, Aung San Suu Kyi ha incassato il sostegno politico del governo Usa e del presidente Obama per il suo lavoro a favore della pace, della riconciliazione e delle riforme sociali ed economiche. Condannando l'uso della violenza come elemento di risoluzione dei conflitti, la leader della Nld ha bollato quanti fomentano gli scontri come elementi che "minano le fondamenta dei diritti umani". A margine del suo intervento la donna ha lanciato un appello per la liberazione delle Pussy Riot, trio di cantanti punk russe condannate a due anni di galera per "teppismo a sfondo religioso". 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/11/2012 MYANMAR – STATI UNITI
Attivista cattolico: Obama plaude alle riforme, nello Stato Kachin continuano le violenze
di Francis Khoo Thwe
17/08/2009 MYANMAR – STATI UNITI
Yangon, Aung San Suu Kyi “non è contraria” all’alleggerimento delle sanzioni
04/11/2009 MYANMAR – STATI UNITI
Yangon, Aung San Suu Kyi incontra diplomatici Usa
03/11/2009 MYANMAR – STATI UNITI
Alti funzionari Usa in missione diplomatica in Myanmar
18/05/2012 MYANMAR – STATI UNITI
Washington rimuove parte delle sanzioni al Myanmar e nomina l’ambasciatore

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate