19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/11/2017, 16.37

    MYANMAR-VATICANO

    Yangon, provocazioni contro il papa. Buddisti solidali coi cattolici



    Aye Ne Win, nipote del generale ed ex dittatore birmano Ne Win, travestito da pontefice per Halloween. I nazionalisti accusano Papa Francesco di collaborazionismo con i Rohingya. La Chiesa birmana abbassa i toni delle polemiche. I preparativi per il viaggio apostolico. Anche i monaci buddisti accoglieranno i fedeli.

    Yangon (AsiaNews) – La popolazione buddista birmana esprime vicinanza e solidarietà alla piccola comunità cattolica, oggetto negli ultimi giorni di alcune provocazioni in vista della prossima visita apostolica di papa Francesco nel Paese (27-30 novembre).

    Le polemiche sono nate per le fotografie che ritraggono Aye Ne Win, nipote del generale ed ex dittatore birmano Ne Win, impartire “benedizioni” mascherato da pontefice in un party di Halloween (foto2). I cattolici esprimono sui social network la propria indignazione per il provocatorio travestimento, ricevendo il sostegno dei buddisti che si dichiarano offesi. Molti di loro vedono in tale atto derisorio un tentativo da parte di militari e gruppi estremisti di creare conflitti con la minoranza cristiana, alla vigilia dello storico viaggio del papa.

    Esponenti del potere militare e frange estremiste del buddismo nazionalista, come il movimento Ma Ba Tha, nell’ultimo periodo hanno manifestato su internet la propria avversione per la visita del pontefice, accusato di collaborazionismo con la minoranza musulmana dei Rohingya. A sostegno delle loro tesi, questi individui hanno fatto circolare sui social network le immagini della lavanda dei piedi che papa Francesco ha effettuato nel carcere di Paliano lo scorso aprile. Durante la cerimonia, il papa aveva lavato i piedi di un detenuto musulmano.

    Gli estremisti ricordano inoltre l’appello in favore dei Rohingya lanciato dal pontefice durante l’Angelus dello scorso 27 agosto, che aveva scatenato dure critiche in Myanmar. La maggioranza della popolazione aveva criticato l’invito del papa alla preghiera per il riconoscimento dei diritti della minoranza musulmana, invisa a gran parte dei birmani. A suscitare la disapprovazione dell’opinione pubblica era stato in particolare l’uso da parte di papa Francesco della parola “Rohingya”. Poiché tale minoranza etnica non viene riconosciuta come una delle 135 etnie ufficiali, in Myanmar è abitudine riferirsi ad essa con l’espressione “musulmani del Rakhine”, dalla regione in cui risiedono.

    La Chiesa birmana, autorevole voce a sostegno del difficile processo di riconciliazione nazionale intrapreso dalla leader democratica Aung San Suu Kyi, non ha raccolto le ultime provocazioni degli estremisti e si è impegnata a placare le polemiche. P. Mariano Soe Naing, portavoce della Conferenza episcopale del Myanmar (Cbcm) e direttore dell’Ufficio per la comunicazione sociale (Cbcm Osc), dichiara ad AsiaNews: “L’episodio che ha visto protagonista il nipote di Ne Win è disdicevole. Tuttavia, per quanto criticabile, si tratta pur sempre di una festa in maschera e la cosa si è conclusa lì. La nostra relazione con i concittadini buddisti è molto buona, non vi sono ostilità. Non vi è nulla da temere per la visita del papa. I problemi potrebbero sorgere se il Santo Padre utilizzerà il termine ‘Rohingya’. Questo darebbe il pretesto agli estremisti di creare tensioni”.

    La comunità cattolica si prepara ad accogliere papa Francesco con “devozione e preghiera”, mentre fervono i preparativi per il suo arrivo.  “Al momento – afferma p. Mariano Soe Naing – siamo concentrati nel pianificare l’accoglienza di coloro che prenderanno parte alla solenne messa, che la mattina del 29 novembre il papa celebrerà presso il Kyaikkasan Ground di Yangon. Tutte le nostre parrocchie saranno a disposizione per il loro pernottamento. La notte precedente la funzione, anche quasi tutti i monasteri buddisti apriranno le porte ai nostri fedeli. Ci aspettiamo la presenza di oltre 100mila cattolici durante la visita del Santo Padre”.

    A testimonianza dell’impegno della Chiesa cattolica per il dialogo e la riconciliazione nazionale, poche ore dopo la messa papa Francesco terrà un incontro con il Consiglio Supremo “Sangha” dei monaci buddisti [massima autorità buddista del Paese, ndr] nel Kaba Aye Centre. “Abbiamo effettuato dei sopralluoghi e con i monaci ci siamo accordati sulle modalità dell’incontro e sulla composizione delle delegazioni. Sfortunatamente, a causa degli impegni ufficiali del papa con le autorità birmane a Nay Pyi Taw, l’incontro con tutti i leader religiosi del Paese previsto per il 30 novembre è stato annullato”, afferma il portavoce della Cbcm.

    Lawrence Jangma Gam, collaboratore di AsiaNews, racconta da Yangon: “Il travestimento di Aye Ne Win ha suscitato la dura reazione dei cattolici su internet, soprattutto dei giovani. Tuttavia, le tensioni hanno avuto luogo solo sui social media. Gli estremisti fanno leva sull’ignoranza di parte dei buddisti nei confronti dei cristiani, ma non vi è nessuna seria minaccia alla sicurezza del Santo Padre. Il governo civile, con cui la Santa Sede ha tenuto importanti incontri di recente, farà da garante per questo viaggio apostolico. L’esercito gestisce tutte le questioni inerenti la sicurezza e non credo che permetterà che accada qualcosa, dal momento che il Paese già subisce una forte pressione internazionale per la crisi in Rakhine. Forse i movimenti nazionalisti organizzeranno manifestazioni contro il papa, ma i cittadini ordinari non sono contrari al viaggio apostolico. Il papa si avvarrà di un personale servizio di sicurezza e anche la Conferenza episcopale sta prendendo delle proprie misure in tal senso”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2017 14:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Yangon, la gratitudine dei vescovi per ‘i tre doni’ di papa Francesco

    Celebrata una solenne messa di ringraziamento presso la cattedrale dell’Immacolata Concezione. il card. Charles Maung Bo: “È un momento storico per tutti noi e per la Chiesa in Myanmar”. Il nuovo nunzio mons. Paul Tschang In-Nam invita i cattolici a lavorare per la pace e la riconciliazione nazionale.



    21/11/2017 13:04:00 MYANMAR-VATICANO
    Yangon, i cattolici: ‘Pronti ad accogliere il Santo Padre’

    Culmine della visita papale sarà la solenne messa al Kyaikkasan Ground di Yangon. Attese 200mila persone da tutto il Paese, circa un terzo dei cattolici birmani. La Chiesa provvede ad alloggi e trasporti. I tribali Kachin hanno realizzato il pastorale in legno che papa Francesco utilizzerà durante la funzione. L’attesa e le preghiere dei giovani.



    27/11/2017 10:34:00 MYANMAR-VATICANO
    L’arrivo di papa Francesco a Yangon: l’accoglienza dei cattolici in festa (Video)

    I pellegrini hanno atteso per ore il passaggio del pontefice. Il gruppo più numeroso e rumoroso è stato quello rappresentato dai gruppi etnici. Numerosi gli stranieri, tra la folla anche una bandiera cinese.

    Dall'inviato



    27/11/2017 08:01:00 MYANMAR-VATICANO
    Yangon, i cattolici in strada per accogliere il papa (Video)

    Ad attendere il pontefice migliaia di birmani, ma anche thailandesi, vietnamiti, cambogiani, filippini e australiani. Imponenti le misure di sicurezza adottate dalle forze armate.

    Dall'inviato



    16/10/2017 12:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Papa Francesco in Myanmar, ‘una benedizione’ anche per i giovani protestanti

    Le speranze e le aspettative  per il viaggio apostolico del pontefice. Patrick Loo Tone, presidente del Consiglio delle Chiese del Myanmar (Mcc): “La visita del pontefice aprirà una finestra sui cristiani del Paese”. I cattolici in Myanmar sono 700mila, distribuiti in 14 diocesi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®