22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/02/2017, 10.34

    YEMEN - GOLFO

    Yemen, la lotta all’egemonia fra Arabia Saudita ed Emirati fonte di morte e distruzione



    Dalla provincia di Aden a quella meridionale di Taez si intensificano i combattimenti fra fazioni saudite e rivali sostenute dagli Emirati. Alleati sulla carta contro i ribelli sciiti Houthi, in realtà stanno consumando una lotta sanguinosa sulla pelle dei civili. Il desiderio di indipendenza della popolazione, pronta a lottare contro ogni invasore.

     

    Sana’a (AsiaNews) - Dalla provincia di Aden alla provincia di Taez, nel sud dello Yemen, si intensificano i combattimenti fra fazioni armate sostenute le une dall’Arabia Saudita, le altre dagli Emirati Arabi Uniti. Due nazioni all’apparenza alleate contro i ribelli sciiti Houthi, entrambe parte della coalizione araba impegnata a “riportare la pace”, di cui non fanno però parte Egitto e Libano che si sono attirati le ire di Riyadh proprio per questa decisione.

    Gli scontri in corso ormai da giorni riflettono le aspre controversie e divisioni fra Emirati e il regno della dinastia Al Saud; una lotta interna al mondo arabo che sembra non tenere in minima considerazione la distruzione e l’alto prezzo di vite umane e feriti, conseguenza di questa corsa all’egemonia.

    Gli Emirati Arabi Uniti sono sempre più intenzionati a prendere il controllo totale dello Yemen del Sud al prezzo, se necessario, di attuare una divisione del Paese in due parti. Un ritorno al passato, ovvero ai tempi precedenti il crollo del muro di Berlino, all’indomani della caduta dell’Unione Sovietica, nel secolo scorso, quanto lo Yemen è rimasto a lungo separato al suo interno.

    Il 13 febbraio scorso l’aeroporto internazionale di Aden ha chiuso le sue piste e interrotto tutte le attività di volo, a causa degli scontri iniziati il 10 febbraio e degenerati nei due giorni successivi fino a trasformarsi in aspri combattimenti. Una battaglia sanguinosa che ha aumentato ulteriormente l’isolamento pressoché totale di questa parte del Paese verso il mondo esterno. Il comandante Abi Kahtan, responsabile della sicurezza dell’aeroporto, sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti, aveva rifiutato di ottemperare all’ordine di licenziamento ordinato dall’ex presidente Hadi su volere dell’Arabia Saudita. In precedenza Kahtan aveva dichiarato di non poter garantire gli stipendi di operatori e funzionari dell’aeroporto a causa delle promesse di aiuto economico non mantenute dei Paesi donatori.

    L’aviazione militare saudita non ha impiegato molto tempo prima di sorvolare minacciosa i cieli dell’aeroporto e della città. Un chiaro segnale di ripresa delle ostilità e di una sfida aperta all’influenza esercitata dagli Emirati Arabi Uniti.

    Analisti ed esperti affermano che vi sia l’ex presidente Hadi dietro i disordini, sfociati poi in combattimenti. L’obiettivo è quello di favorire la parte saudita e rintuzzare l’ascesa nello Yemen meridionale da parte degli Emirati. Questi ultimi aspirano a una presenza permanente delle truppe nel sud e intendono offrirsi come garanti della pace e della sicurezza, soprattutto col controllo dello stretto di Bab El Mandeb e del litorale.

    Un’area strategica da strappare dalle mani di Riyadh e da sfruttare con Washington e Tel Aviv.

    Al contempo, nella controversia fra Abu Dhabi e Riyadh nulla cambia per gli yemeniti noti per il loro attaccamento all’indipendenza e al rigetto di qualsiasi invasore. Nella popolazione resta salda la voglia di lottare contro qualsiasi forza occupante. Ecco perché, osservando l’evoluzione del conflitto, sembra che la guerra in Yemen sostenuta con decisione dall’Arabia Saudita abbia in realtà sinora portato più sconfitte che vittorie a Riyadh. E ora i sauditi si trovano a dover concorrere con gli Emirati per l’egemonia nel Paese, oggi più che mai intenzionati a rilevare in questa parte del mondo il ruolo ricoperto sinora dall’Arabia Saudita. (PB)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/03/2017 08:57:00 YEMEN
    Aden, decine di migliaia di persone in piazza per chiedere la fine della guerra

    La manifestazione promossa dagli Houthi, che occupano la capitale e ampie zone del nord del Paese. Presente anche l’ex presidente Saleh. Egli ha invitato la folla alla resistenza. Un dimostrante: “In piazza contro l’aggressione saudita”. Un tribunale penale vicino al movimento ribelle sciita condanna a morte in absentia Hadi. 

     



    05/12/2017 08:05:00 YEMEN
    Ucciso Ali Abdallah Saleh, l’ex presidente, ‘uomo di tutte le contraddizioni’

    Pochi giorni prima era ancora alleato degli Houthi; poi ha deciso di allearsi con l’Arabia saudita, nella speranza di tornare ad essere presidente dello Yemen. In passato aveva combattuto contro gli Houthi, chiedendo man forte a Riyadh.



    16/03/2017 09:48:00 A. SAUDITA - PAKISTAN - YEMEN
    Riyadh chiede aiuto a Islamabad per presidiare il confine meridionale con lo Yemen

    Pronta una brigata per “puntellare” la fragile frontiera a sud. L’esercito pakistano fra i pochi del mondo musulmano a non avere una connotazione confessionale. Il suo ruolo di garante e mediatore nel delicato contesto mediorientale. Crescono le tensioni fra Arabia Saudita ed Emirati sul sostegno a presidente yemenita Hadi. Sullo sfondo le relazioni commerciali fra Teheran e Islamabad.

     



    23/11/2017 08:55:00 YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.



    20/05/2016 14:10:00 YEMEN
    Yemen a rischio frantumazione, domani il “Documento d’indipendenza”

    Il “Consiglio Supremo del Movimento Rivoluzionario Pacifico nel Sud dello Yemen” promette una dichiarazione solenne e la secessione dal Nord. Le ingerenze di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, che hanno mire egemoniche e temono l’unità del Paese. Analisti, e persino alcuni militari del Sud, contrari alla mossa definita “prematura” ed “estremista”.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®