16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/01/2017, 11.12

    INDONESIA

    Yogyakarta, estremisti islamici contro un funzionario locale: cacciato perché cattolico

    Mathias Hariyadi

    Le autorità della reggenza di Bantul hanno disposto l’allontanamento di Yulius Suharto, capo del sotto-distretto di Pajangan. La nomina risale al 30 dicembre scorso. Contro di lui una massiccia campagna di pressione promossa da fondamentalisti e musulmani radicali. Disposto il trasferimento in un sotto-distretto dove la maggioranza delle persone non è musulmana.

     

    Jakarta (AsiaNews) - Le autorità della reggenza di Bantul, nella provincia speciale di Yogyakarta (Diy), nello Java centrale, hanno cacciato il funzionario Yulius Suharto, a capo del sotto-distretto di Pajangan. Dietro la decisione, una massiccia campagna di pressione lanciata sui social media da gruppi estremisti islamici e musulmani radicali che hanno preso di mira l’uomo solo perché “è cattolico”.

    La decisione di “licenziare” il capo del sotto-distretto è giunta lo scorso 9 gennaio, al termine di una pressante campagna denigratoria contro il funzionario (nella foto). Le autorità hanno diffuso una nota in cui affermano che la scelta è sostenuta da decine di funzionari e cittadini di Pajangan, secondo i quali la maggioranza della popolazione nell’area è musulmana; per questo non è ammissibile assegnare la più alta carica dell’amministrazione civile a un cattolico.

    Il capo distretto di Bantu Suharsono riferisce che la delibera che determina il licenziamento di Yulius Suharto è stata fatta a norma di legge, accogliendo le direttive della municipalità e dei vertici amministrativi locali. La maggioranza dei funzionari della Camera (Dprd) ha accolto con favore la decisione di allontanare l’uomo, in quanto non musulmano.

    Fonti locali spiegano che egli verrà trasferito a Bambanglipuro, un altro sotto-distretto “dove la maggioranza delle persone non sono musulmane”.

    Nell’ottobre scorso l’area è stata teatro di feroci proteste da parte dell’ala estremista islamica, che si è opposta con forza alla costruzione di una statua che ritraeva il volto di Gesù e da installare nel cortile della parrocchia di St. Jacob Alfeus. A esacerbare gli animi della frangia estremista, il fatto che all’inaugurazione della statua vi fossero anche diverse donne con indosso l’hijab.

    Le immagini di donne velate a una celebrazione cristiana hanno fatto il giro del web, esacerbando gli animi dell’ala fondamentalista del Paese e dei molti movimenti jihadisti.

    La nomina di  Yulius Suharto a capo del sotto-distretto di Pajangan risale solo al 30 dicembre scorso; il provvedimento di rimozione dall’incarico entrerà in vigore in via ufficiale il prossimo 30 gennaio.

    Yulius Suharto non è il solo funzionario cattolico a finire nel mirino della fazione estremista islamica nel Paese. Nelle ultime settimane ha tenuto banco la vicenda del governatore cristiano di Jakarta Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok”. Egli è sotto processo per una presunta vicenda di blasfemia, con l’accusa di aver insultato il Corano e la fede islamica. Durante un comizio tenuto a settembre egli avrebbe citato la 51ma sura di Al Maidah (quinto capitolo del Corano), che suggerisce ai musulmani di non votare un leader di altro credo, chiedendo ai fedeli islamici di non “usarla” in maniera sbagliata.

    Ahok è uno dei pochi leader politici indonesiani che lotta in prima fila per la libertà di coscienza. Lo scorso giugno si è opposto all’obbligo imposto alle studentesse di Jakarta di indossare il velo islamico. Nel luglio 2015 il governatore di Jakarta ha promosso una battaglia per i diritti civili della minoranza ahmadi, ritenuta eretica dalla maggioranza musulmana sunnita.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2017 10:41:00 INDONESIA
    West Kalimantan, gruppi di tribali Dayak bloccano lo sbarco di un leader islamico radicale

    Un gruppo di persone in abiti e armi tradizionali ha “invaso” la pista dell’aeroporto di Sintang e impedito la discesa di Tengku Zulkarnain, vice-segretario Mui. Il leader islamico avrebbe dovuto incontrare la comunità musulmana locale. In precedenza aveva definito i Dayak “infedeli”. In realtà i nativi promuovono da sempre un clima di armonia e dialogo con altre fedi ed etnie.

     



    07/09/2005 INDONESIA
    Indonesia, cristiani temono attacchi degli estremisti contro i luoghi di lavoro

    Cattolici e protestanti usano celebrare messa il venerdì nei loro uffici, quando i colleghi musulmani vanno a pregare in moschea. Il governo promette la revisione del decreto sull'edificazione delle chiese.



    22/10/2004 indonesia
    Ex presidente indonesiano si schiera a difesa di una chiesa cattolica
    Abdurrahman Wahid (Gus Dur), musulmano moderato: "Garantire libertà religiosa per i cattolici, altrimenti porterò il caso in tribunale". Negli ultimi 14 anni 500 attacchi contro chiese cristiane nel paese.

    12/08/2005 INDONESIA
    Indonesia, il Governo boccia la richiesta degli integralisti di bandire gli Ahmadi

    Le decisioni sulla sorte della minoranza religiosa musulmana sono lasciate al Consiglio indonesiano degli Ulema, che stabilirà se presentare un ricorso in tribunale.



    05/11/2004 indonesia
    Cristiano decapitato nelle Sulawesi Centrali




    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®