23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/03/2017, 12.31

    CINA

    Zhou Xiaochuan: Quest’anno lo yuan dovrebbe rimanere “abbastanza stabile”



    È impossibile prevedere con certezza quali eventi influiranno sulla “moneta del popolo”. L’obiettivo del governo è mantenere la crescita attorno al 6,5%.  La riserva di valuta straniera ridotta da 4mila a 3mila miliardi di dollari Usa. 

    Pechino (AsiaNews) – Zhou Xiaochuan, presidente della Banca del popolo cinese ha affermato venerdì che quest’anno lo yuan dovrebbe rimanere “piuttosto stabile”. Nel 2016, il presidente americano Donald J. Trump aveva accusato la Cina di aver svalutato in modo volontario la “moneta del popolo”, che l’anno scorso ha perso il 7% del proprio valore.

    “In queste circostanze – ha dichiarato Zhou a Pechino – crediamo che quest’anno il tasso di cambio dello yuan rimarrà abbastanza stabile. Ma in ogni caso nessuno può prevedere con esattezza quali incertezze ed eventi potrebbero influire sullo yuan. Il mercato valutario è sempre molto sensibile e segue l’andamento complessivo del mercato globale”.

    Trump ha accusato più volte Pechino di essere “manipolatore di valuta” e aver indebolito la propria moneta per aumentare le proprie esportazioni. Egli ha anche minacciato di imporre onerose tariffe doganali sui prodotti cinesi.

    La Banca centrale ha inasprito la politica monetaria, aumentando i tassi d’interesse a breve termine per la prima volta dal 2013. La decisione è motivata da un’“esplosione” di prestiti dello scorso anno a sostegno della crescita che hanno portato a preoccupanti rischi finanziari.

    Zhou si è anche espresso riguardo al drammatico calo delle riserve di valuta estera dello scorso anno, che sono cadute da 4mila a 3mila miliardi di dollari Usa, una quantità di valuta che secondo Zhou “non era poi così necessaria per il Paese”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2011 CINA
    Willy Lam: l'occasione perduta del Parlamento cinese
    L'annuale Assemblea nazionale del popolo ha pensato soprattutto a "difendere la stabilità socio-politica – e annientare una possibile Rivoluzione dei gelsomini di stile cinese". Un commento del noto studioso sui passi indietro del governo cinese e sui tanti problemi lasciati irrisolti.

    03/03/2014 CINA
    Cina, ai margini dell'Anp si stringe la rete contro Zhou Yongkang
    L'ex potentissimo "zar" della sicurezza nazionale è sempre più isolato: il governo di Xi Jinping ha messo in stato d'accusa tutti i suoi fedelissimi, il figlio e il fratello. Il portavoce della Conferenza consultiva del popolo "non nega" che vi sia un'indagine contro di lui, mentre aumenta la sicurezza intorno alle sue residenze. Attesa per l'inizio dell'Assemblea nazionale del popolo, che lo scorso anno diede il via al processo contro Bo Xilai.

    23/11/2015 CINA
    Pechino, scoperti 125 miliardi di dollari di “capitali neri”
    Ad aprile la Banca del popolo ha iniziato un giro di vite sugli spostamenti illegali di denaro all’estero. Negli ultimi mesi le attività illecite sono aumentate, danneggiando i tassi di cambio dello yuan, privando lo Stato di moneta corrente e alzando i tassi d’interesse. La polizia promette controlli più severi e restringimento dei canali di trasferimento.

    07/07/2006 vietnam
    Cresce l'economia del Vietnam, ma resta il problema della corruzione
    L'eliminazione del ""meccanismo concedere-chiedere" al centro dell'Assemblea nazionale che ha approvato il prossimo piano quinquennale. Del tutto trascurati i temi dell'educazione e del pieno sviluppo umano.

    28/02/2013 CINA
    Pechino, l’inquinamento di nuovo “molto dannoso per la salute”
    In attesa dell’Assemblea nazionale del popolo, i valori di particolato inquinante nella capitale hanno toccato per la seconda volta in una settimana il valore massimo tollerato dall’organismo umano. Si moltiplicano gli appelli della popolazione al governo affinché intervenga.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®