09/01/2008, 00.00
IRAQ - VATICANO
Invia ad un amico

Premier iracheno assicura il Vaticano: "protezione e giustizia” per i cristiani

Dopo gli attacchi coordinati dell’Epifania contro conventi e chiese a Mosul e Baghdad, il premier al-Maliki incontra il nunzio Chullikat: condanna degli attacchi e garanzia di protezione. Dure parole anche del vice presidente al-Hashemi. E il primo ministro invita il Papa in Iraq.
Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – Il premier iracheno Nuri al-Maliki ha assicurato l’impegno del suo governo nella protezione dei cristiani in Iraq, in seguito agli attacchi coordinati a chiese e conventi del 6 gennaio scorso. Ieri nel suo incontro con il nunzio vaticano, mons. Francis Assisi Chullikatt, il primo ministro ha condannato gli attentati dell’Epifania a Mosul e Baghdad e ha garantito che i responsabili verranno individuati e puniti.
 
Un comunicato dell’ufficio di al-Maliki sottolinea, inoltre, il desiderio del governo iracheno di promuovere “i forti legami di amicizia con le comunità cristiane” e ribadisce che la “convivenza pacifica è possibile”. Il premier ha voluto ricordare al rappresentante della Santa Sede che “cristiani e musulmani sono uniti nel fronteggiare terroristi e fuorilegge” e che le violenze nel Paese “colpiscono tutti i gruppi religiosi”. Al-Maliki aveva già promesso protezione e giustizia ai cristiani iracheni lo scorso ottobre, dopo la denuncia del Patriarca caldeo, card. Emmanuel III Delly, dei sistematici attacchi contro chiese e istituzioni cattoliche nel Paese.  
 
Parole di “condanna e denuncia per gli attentati terroristici” di domenica scorsa sono arrivate anche dal vice presidente iracheno, Tareq al-Hashemi. In una dichiarazione ufficiale sul suo sito internet, il vice capo di Stato esprime la sua “vicinanza ai fratelli cristiani” e dice di volere combattere insieme “questi ingiusti attacchi che hanno trasformato le celebrazioni in dolore e preoccupazione”.
Commentando gli attentati dinamitardi, che non hanno fatto vittime, il nunzio in Iraq e Giordania li ha definiti “una triste novità che non fa stare tranquilli” e ha voluto sottolineare che “se gli stessi attentati fossero stati portati a termine solo alcune ore prima, sarebbe stata una strage spaventosa”.
In conferenza stampa, infine, il portavoce del governo, Ali al-Dabbagh, ha riferito di un invito del primo ministro a Benedetto XVI per visitare l’Iraq.
(Nella foto: una delle chiese colpite il 6 gennaio 2008; da ankawa.com)
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cortei nei villaggi cristiani: giustizia per la morte di mons. Rahho
29/03/2008
Un altro attentato contro una chiesa a Mosul
17/01/2008
Vescovi caldei: appello all’unità della Chiesa e del Paese, rifiutando l’ultimo Sinodo
02/07/2007
É libero e sta bene il sacerdote caldeo rapito a Baghdad
18/06/2007
Vescovo del Kurdistan: “la Chiesa in Iraq è in grande pericolo"
24/04/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”