21/09/2009, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

Basta dollaro, negli scambi internazionali Teheran userà l’euro

Annunciata da anni, la decisione è contenuta in un decreto del presidente Ahmadinejad e riguarda in particolare gli scambi petroliferi. Con oltre quattro milioni di barili al giorno l’Iran è il quarto produttore mondiale di “oro nero”.
Teheran (AsiaNews) – L’Iran, quarto produttore mondiale di petrolio, ha deciso di sostituire negli scambi internazionale il dollaro con l’euro. Lo stabilisce un decreto del presidente Mahmoud Ahmadiejad.
 
La decisione, precisano le agenzie iraniane, è stata presa sentiti gli amministratori delle riserve estere del Paese. La decisione riguarda in particolare proprio le transazioni aventi ad oggetto il petrolio – l’Iran ne produce oltre quattro milioni di barili al giorno - che rappresentano l’80% del totale delle entrate di valuta estera e circa il 50% delle entrate del bilancio generale dello Stato.
 
In realtà, la volontà di utilizzare l’euro e non il dollaro per le transazioni internazionali è stata più volte proclamata dalla Repubblica islamica negli anni scorsi. Teheran aveva anche proposto agli altri Paesi dell’Opec di abbandonare “l’affondante” dollaro a favore del “più credibile” euro. Ora il decreto presidenziale sembra aver deciso il passaggio.
 
In seguito al cambiamento, è stato annunciato che il tasso di interesse previsto dalla Riserva degli scambi esteri sarà ridotto dal 12 al 5%:
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Teheran e Baghdad: no al dollaro nel commercio bilaterale
12/09/2018 08:48
Banconote “nucleari” per far fronte alla crescente inflazione
05/03/2007
Per cercare di frenare il crollo del rublo, Mosca aumenta i tassi al 17%
16/12/2014
La "volatilità" delle Borse, segnale preoccupante sullo stato di salute dell'economia mondiale
21/10/2014
Crisi in Europa, il Giappone perde fiducia nei mercati
15/12/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”