Morto mons. Jonh Yang Shudao, arcivescovo sotterraneo di Fuzhou
di Zhen Yuan
Il prelato, 91 anni, è morto lo scorso 28 agosto a Fuzhou (Fujian). Pilastro della Chiesa sotterranea cinese mons. Yang ha passato gran parte della sua vita in carcere. L’ultima condanna risale al 2001.

Fuzhou (AsiaNews) – Mons. Jonh Yang Shudao, arcivescovo sotterraneo di Fuzhou (Fujian) è morto lo scorso 28 agosto all’età di 91 anni. Il suo corpo è stato trasferito in questi giorni a Lianjiang, luogo di nascita del prelato, dove il primo settembre si celebreranno i funerali.  

Entrato nel seminario diocesano di Fuzhou all’età di 14 anni, mons. Yang viene ordinato sacerdote nel 1947 e passa gran parte della sua vita in carcere.  

Nel 1955 le autorità comuniste lo condannano al carcere a vita, in quanto prete cattolico. Nonostante il suo rilascio avvenuto nel 1981, mons. Yang viene condannato ad altri 5 anni di prigione. Ordinato vescovo clandestino l’8 marzo 1987, le autorità lo arrestano una seconda volta nel 1988, condannandolo a tre anni. Nominato arcivescovo di Fuzhou nel 1995, nel 2001 viene condannato per due volte a 91 giorni di prigione.

Fuzhou è una delle diocesi più problematiche della Chiesa cinese. Da anni è preda delle divisioni tra cattolici sotterranei e ufficiali.

CINA_(f)_0830_-_Morte_arcivescovo.JPG