L'Oms denuncia: 1/3 della popolazione mondiale è affetto da tubercolosi
Il 95% dei casi viene da Bangladesh, India, Myanmar e Thailandia.

Manila (AsiaNews/Agenzie) – L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha presentato il rapporto annuale sulla tubercolosi (tbc). Secondo i dati raccolti, 1/3 della popolazione mondiale è affetta o è guarita dalla tubercolosi. Ogni anno circa 1 milione di persone nelle regioni dell'Asia dell'est e del Pacifico muoiono di tbc: la malattia uccide 4 persone ogni minuto e 1000 al giorno, di cui 100 sotto gli 8 anni.

Il 95% dei casi di tubercolosi viene da Bangladesh, India, Myanmar e Thailandia. In tutti questi paesi, la tubercolosi è riconosciuta come la prima causa di mortalità.

La terribile diffusione della malattia è dovuta alla potenza devastante delle cellule infette che il virus produce, che si trasmettono per via aerobica: una persona colpita da tbc può contagiare fino a 15 persone l'anno. La diffusione è dovuta inoltre alla carenza di interventi sanitari di cura e prevenzione, che l'Oms definisce "assolutamente inadeguati" in Asia.

La tubercolosi è anche la prima causa di mortalità per i malati di Aids: oltre 1/3 di essi muore per aver contratto la tbc, la prima malattia che riesce a penetrare le difese immunitarie indebolite dall'Hiv.

La malattia è inoltre causa diretta di povertà nelle zone asiatiche. In tutti i posti di lavoro, se un dipendente è colpito da tbc viene immediatamente allontanato, e perde automaticamente lavoro e sostentamento.
2843_ASIA-Tubercolosi (150 x 113).jpg