All'avvicinarsi delle elezioni presidenziali, la polizia turca lancia un'indagine a tappeto contro Gulen
Il movimento Hizmet del grande oppositore di Erdogan è accusato di lavorare per prendere con la forza il controllo dello Stato stravolgendo l'attuale ordine costituzionale. Si chiede alla polizia di indagare anche se Hizmet è un gruppo armato o ha avuto un ruolo in una serie di omicidi che hanno sconvolto la Turchia negli ultimi anni.

Istanbul (AsiaNews) - Alla vigilia delle elezioni presidenziali, la polizia turca lancia una indagine a tappeto sul movimento Hizmet di Fethullah Gulen, in passato alleato e ora strenuo oppositore del primo ministro Erdogan. L'ex sostenitore del partito al potere, in esilio volontario negli Stati Uniti, è accusato di aver complottato per rovesciare il governo e lo Stato laico.

In un ordine scritto inviato ai dipartimenti di polizia di 30 province, a quanto riferisce il quotidiano Hurriyet il movimento è accusato di lavorare per prendere con la forza il controllo dello Stato stravolgendo l'attuale ordine costituzionale. L'ordine, che porta la data del 25 giugno, chiede inoltre alla polizia di indagare se Hizmet è un gruppo armato o ha avuto un ruolo in una serie di omicidi che hanno sconvolto la Turchia negli ultimi anni, tra cui l'assassinio nel 2007 del giornalista armeno Hrant Dink.

L'indagine segna un significativo aumento della pressione giudiziaria contro Hizmet in vista delle elezioni presidenziali del prossimo mese di agosto nelle quali Erdogan si è candidato la settimana scorsa - ed è considerato il grande favorito - malgrado lo scandalo e le accuse di corruzione che lo hanno toccato l'anno scorso e le proteste contro il suo governo.

Alla polizia è stato chiesto anche di raccogliere informazioni sui membri delle  associazioni affiliate al movimento, compresi gli studenti delle scuole di proprietà Gulen e studiosi che fanno ricerca con Hizmet.

 

erdogan-gulen-1.jpg