Pechino apprezza la ‘buona volontà’ del papa

Il portavoce del ministero cinese degli Esteri afferma che “la Cina è sincera e positiva nel migliorare le relazioni Cina-Vaticano” e che dà il benvenuto allo “scambio fra le due nazioni”. La mostra della Cina in Vaticano tarda a venire.


Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Cina apprezza “l’amichevole buona volontà” di papa Francesco ed è “aperta e positiva” nello sviluppare le sue relazioni con il Vaticano. Lo ha detto ieri Geng Shuang, portavoce del ministero cinese degli Esteri durante la conferenza stampa settimanale abituale.

Geng Shuang era stato sollecitato a rispondere da parte dei giornalisti, che gli chiedevano un commento sulle parole pronunciate da papa Francesco nella conferenza stampa di ritorno da Tokyo. Interrogato sulla situazione di Hong Kong, con la società divisa fra manifestanti pro-democrazia e governo pro-Pechino, il pontefice ha fatto notare che in molti altri Paesi vi sono questo tipo di manifestazioni e di contrasti, e ha concluso con la frase “Mi piacerebbe andare a Pechino. Io amo la Cina”.

Geng Shuang ha affermato che “La Cina è sincera e positiva nel migliorare le relazioni Cina-Vaticano. Diamo il benvenuto e siamo aperti allo scambio fra le due nazioni”. A riprova di ciò, il sito del “Global Times”, ieri sera ha citato la mostra di alcuni oggetti dei Musei Vaticani tenutasi al Palazzo imperiale di Pechino, insieme ad alcuni pezzi provenienti dal Museo del Palazzo. La mostra si è svolta dal 28 maggio al 17 luglio. In origine, doveva essere uno scambio culturale: pezzi artistici vaticani a Pechino; pezzi artistici cinesi in Vaticano. Ma la mostra in Vaticano, dopo due anni dall’annuncio,  non è stata ancora allestita e in Vaticano non sanno quando potrà esserlo.

Secondo il “South China Morning Post”, nel rispondere alla domanda su Hong Kong, il papa “ha evitato di prendere posizione” sulle proteste del movimento democratico.

CHINA-_POPE-FLAG.jpeg