Wuhan, solo 11 nuovi casi di infezione e sette morti
di Wang Zhicheng

Otto casi sono registrati nell’Hubei; tre sono casi di ritorno: due a Shanghai e uno a Pechino. Quarantena per tutti gli stranieri che giungono in Cina. Il numero degli infetti è di 81.003. I dati però non coprono pazienti asintomatici, per i quali non vi sono statistiche. Il bilancio delle morti e di 3180. I pazienti guariti sarebbero 64.216.


Pechino (AsiaNews) – La Commissione nazionale di sanità ha comunicato che in tutta la giornata di ieri vi sono state solo 11 nuovi casi positivi al coronavirus e altri sette morti, confermando una riduzione dell’epidemia. Solo 8 casi provengono dall’epicentro dell’Hubei; tre nuovi casi di infezione sono “da ritorno”, ossia di persone che provengono da Paesi infettati: due casi sono registrati a Shanghai; uno a Pechino.

Da due giorni le autorità hanno stabilito che chiunque entri in Cina, in provenienza da qualunque Paese, colpito o no da coronavirus, deve sottoporsi a una auto-quarantena di 14 giorni.

Fino a ieri sera il numero degli infetti in Cina era di 81.003. I dati però non coprono pazienti asintomatici, per i quali non vi sono statistiche. Il bilancio delle morti e di 3180. I pazienti guariti sarebbero 64.216.

Ieri l’Organizzazione mondiale della sanità ha definito “pandemia” l’infezione di Covid-19, essendosi ormai propagato in 119 Paesi. A livello mondiale le infezioni sono 127mila; più di 46mila sono al di fuori della Cina. I morti nel resto del mondo sono 1541. I Paesi più colpiti sono l’Italia con oltre 12462 casi e l’Iran con più di 10mila infezioni.

Cina-_Wuhan-pazienti.jpg