L’8 marzo delle suore di Madre Teresa: ridare dignità alle donne emarginate
di Nirmala Carvalho

Le Missionarie della Carità gestiscono una casa per donne indigenti, le più povere, emarginate e vulnerabili a Cuttack Bhubaneshwar. L’arcivescovo John Barwa: “le suore sono una potente testimonianza di fede, servizio, impegno e dedizione”.


Mumbai (AsiaNews) – “La missione di ridare dignità alle 150 donne ospiti della casa di Madre Teresa, a Cuttack Bhubaneshwar, tutte povere, vulnerabili, emarginate, è la migliore celebrazione della Giornata della donna”. Lo dice ad AsiaNews l’arcivescovo John Barwa di Cuttack-Bhubaneswar.

Le suore di Madre Teresa, gestiscono una casa per donne indigenti, le più povere, emarginate e vulnerabili. Ad AsiaNews, suor Phulibia MC ha detto: "Prendersi cura delle donne è la nostra quotidiana celebrazione della vita, prendersi cura di loro è la nostra celebrazione della Giornata della donna".

“Questa – spiega suor Phulibia - è una casa indigente. La nostra celebrazione della festa della donna è la nostra celebrazione quotidiana della festa della donna in quanto tale. Ci impegniamo a servire con amore le donne povere indigenti per 24 ore al giorno. Svolgere le faccende quotidiane di lavarle (fare il bagno), dar loro da mangiare, lavare i loro vestiti, vestirli, curare le loro ferite, pulire le loro ferite, fasciare le loro ferite, fare fisioterapia per loro. Tutte queste attività continuano. Alcune di loro non sono nemmeno in grado di nutrirsi da sole. Dopo averli nutrite, laviamo i loro piatti, la loro bocca ... Quindi per noi la nostra festa è prenderci cura di loro”.

Abbiamo circa 130 donne indigenti, escluso il personale. La loro età varia. La più vecchia dovrebbe avere circa 80 anni.

Il 3 marzo, mons. John Barwa ha ricevuto Madre Prema, MC, superiora generale delle Missionarie della Carità. Ad AsiaNews, l'arcivescovo Barwa ha detto: “Madre Prema stava visitando le comunità delle suore MC a Bhubaneshwar, ed è venuta a trovarmi alla Bishops House”.

“Ho detto a Madre Prema che le suore di Madre Teresa sono una potente testimonianza di fede, servizio, impegno e dedizione. Ho ringraziato Madre Prema e la superiora regionale per il loro servizio disinteressato agli ultimi, ai più piccoli e ai disperati di Odisha - per il loro servizio amorevole, la cura compassionevole - senza discriminazioni di casta o credo”.

"Ho organizzato un incontro degli 8 sacerdoti della curia dell'arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar per incontrare la madre. Padre Mrutyunjaya Digal, padre Laxmikant Pradhan e padre Dibyasingh Parichha hanno raccontato la loro esperienza di persecuzione (agosto 2008) Madre Prema è stata molto commossa dalla loro esperienza. Madre Prema ha incoraggiato i miei sacerdoti, ha detto: ‘questa è la vostra esperienza, la vostra testimonianza di fede, ne ho solo sentito parlare e vi ringrazio per tutto quello che avete passato. Avete vissuto la fede. Siate certi delle mie preghiere’".

Madre Prema ha ringraziato l’arcivescovo John e i sacerdoti “per l'incoraggiamento e il servizio che date alle nostre comunità delle Missionarie della Carità nella diocesi, per la gentilezza mostrata ai Missionari della carità e per aver lavorato insieme per edificare il Regno di Dio".

P. Dibyasingh Parichha Parichha, sacerdote e avvocato del distretto di Kandhamal, ha condiviso con Madre Prema la questione della giustizia missionaria, che è stata molto impegnativa ma in alcuni casi abbiamo avuto successo.

INDIA_-_0308_-_M._Teresa.jpg