Corea del sud: aumenta il divario fra il reddito di impiegati ed operai
di Theresa Kim Hwa-young
L'economia coreana si sta trasformando: era basata sull'industria, ora tende a fondarsi sui servizi.

Seoul (AsiaNews) – Nella Corea del Sud aumenta il divario fra le retribuzioni degli impiegati, i cosiddetti colletti bianchi, e degli operai, i colletti blu. Lo ha reso noto l'Ufficio nazionale di statistica in un rapporto pubblicato questa settimana. Il reddito medio mensile dei colletti bianchi è salito in un anno a 2,98 milioni di won (1 € = 1158,46 won) rispetto ai 2,9 milioni dell'anno precedente, con un incremento del 2,8%. Durante lo stesso periodo il reddito medio mensile dei colletti blu è cresciuto del 2% ed è arrivato a 1,62 milioni di won.

Il divario di reddito fra operai ed impiegati è in aumento già da alcuni anni, e questo ha delle ripercussioni economico-sociali. Aumenta infatti la disparità, e il sistema economico del Paese si trasforma da una economia basata sull'industria a una economia basata sui servizi.

Il reddito annuale medio degli operai è pari al 54,6% di quello degli impiegati. Nel 2004 era pari al 55% e nel 2003 al 55,7%. C'è una grande differenza anche fra gli stipendi dei laureati e quelli dei diplomati. Il reddito annuale medio dei laureati arriva a 46,79 milioni di won annui mentre quello dei diplomati si ferma a 24,8 milioni di won. Lo stipendio di chi ha un diploma di bachelor  è invece in media 36,17 milioni di won.

È calato il reddito medio dei lavoratori con master o un dottorato: in un anno ha perso lo 0,9% ed è passato da 3,93 milioni di won a 3,9 milioni. È cresciuto al contrario il reddito dei diplomati: in un anno è arrivato a 2,07 milioni di won  dai 2 milioni dell'anno precedente, con una crescita del 3,5%.

5363_korea ok (150 x 107).jpg