Sylhet, l'ingresso di mons. Gomes: 'Terreno fertile per la missione'
di Sumon Corraya

Il nuovo vescovo, mons. Shorot Francis Gomes, ha preso possesso della diocesi creata da Benedetto XVI nel 2011 in un'area dove tanti tribali lavorano nelle coltivazioni del tè. Dialogo interreligioso, partecipazione dei laici alle attività ecclesiali e crescita delle vocazioni alla vita religiosa sono le priorità indicate dal nuovo pastore.


Sylhet (AsiaNews)- Il nuovo vescovo di Sylhet, mons. Shorot Francis Gomes, ha compiuto il suo ingresso ufficiale nella dicoesi locale alla presenza del nunzio apostolico, mons. George Kocherry. Nominato da papa Francesco lo scorso 12 maggio, doveva insediarsi il 2 luglio, ma la cerimonia è stata rinviata a causa della pandemia fino a oggi, quando si è potuta tenere nella cattedrale dell'Immacolata Concezione a Lokhipur. Alla celebrazione hanno potuto partecipare un numero ristretto di vescovi, sacerdoti e fedeli, mentre la maggior parte delle persone l'ha seguita in diretta streaming.

Mons. Gomes ha 55 anni e succede a mons. Bejoy N. D'Cruze, nominato arcivescovo di Dhaka in novembre. “Predicare il vangelo - ha detto il nuovo vescovo di Sylhet nel suo discorso - è la nostra responsabilità cruciale come battezzati. Questa diocesi è un terreno fertile per annunciare la Buona notizia. Iniziamo tutti a predicarla per prenderci cura del popolo di Dio e di quanti vivono nella miseria. Amiamoli e curiamo il loro dolore”. Mons. Gomes ha poi citato il dialogo interreligioso, la partecipazione dei laici alle attività ecclesiali e la crescita delle vocazioni alla vita religiosa come sue priorità pastorali.

I fedeli della diocesi si sono congratulati con il nuovo pastore. Thomas Pohdung, un cattolico locale, ha detto: “Siamo con lui, lo ascolteremo e seguiremo la sua guida”. La diocesi di Sylhet è stata creata da Benedetto XVI nel 2011 e conta sette parrocchie con circa 19.500 cattolici, per il 98% tribali che lavorano nelle piantagioni del tè. Si tratta di una frontiera missionaria in un'area dove molti non conoscono ancora il Vangelo.

Mons. Gomes è il secondo vescovo di Sylhet: originario della parrocchia di Hashnabad a Dhaka, ha già servito come vescovo ausiliare della capitale. Nella conferenza episcopale del Bangladesh è presidente della Commissione per i seminari, ed è assistente del movimento Marriage Encounter.

3.png 3.png 3.png