Papa: i tre giorni del viaggio di settembre a Budapest e in Slovacchia

Visita segnata sul piano ecclesiale dalla chiusura del Congresso eucaristico internazionale, la celebrazione di una divina liturgia in memoria dei martiri greco-cattolici, l’incontro con una rappresentanza della comunità rom e sul piano politico soprattutto con quello che verrà detto a Budapest, con il primo ministro Orban.


Città del Vaticano (AsiaNews) – Tre giorni a Budapest e nella Slovacchia, segnati sul piano ecclesiale dalla chiusura del Congresso eucaristico internazionale, la celebrazione di una divina liturgia in memoria dei martiri greco-cattolici, l’incontro con una rappresentanza della comunità rom e sul piano politico soprattutto con quello che verrà detto all’accoglienza a Budapest, con il primo ministro Orban.

E’ il 34mo viaggio che papa Francesco si prepara a compiere dal 12 settembre, durerà tre giorni e ha il tema: “Con Maria e Giuseppe sulla via verso Gesù”, scelto per esprimere “la preghiera affinché la visita di Papa Francesco in Slovacchia possa rafforzare la fede e rinnovare il desiderio di seguire i passi del Signore Gesù, che ‘non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita’ (Mt 20, 28)”.

La prima tappa sarà a Budapest, dove arriverà alle 7.45 del mattino. Non una visita in Ungheria, ma un appuntamento legato alla chiusura del Congresso eucaristico internazionale. Prima della celebrazione nella piazza degli Eroi, nel Museo delle Belle Arti vedrà, insieme, il presidente ungherese János Áder e il primo ministro Viktor Orbán. Non è previsto un discorso del Papa che invece parlerà incontrando, subito dopo e nello stesso luogo, i vescovi del Paese. Un altro discorso rivolgerà ai rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese e alcune comunità ebraiche dell’Ungheria, che riceverà poco dopo, sempre nel Museo.

Alle 11.30, Francesco si recherà nella Piazza degli Eroi per concludere il Congresso Eucaristico con la messa solenne e la recita dell’Angelus. Al termine, si trasferirà in aeroporto per la partenza per Bratislava, prevista per le 14.40.

Arrivato nella capitale della Slovacchia intorno alle 15.30, il Papa, terrà in nunziatura un incontro ecumenico e poi incontrerà privatamente – come consuetudine in ogni viaggio apostolico – i membri della Compagnia di Gesù.

Il giorno successivo, lunedì 13 settembre, alle 9.15 ci sarà la cerimonia ufficiale di benvenuto nel Palazzo presidenziale e la visita di cortesia alla presidente Zuzana ńĆaputová, al quale seguirà l’incontro con autorità, corpo diplomatico e rappresentanti della società civile.

A seguire, Francesco si trasferirà nella cattedrale di San Martino per l’appuntamento con vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, seminaristi e catechisti.

Nel pomeriggio, dopo una visita privata al “Centro Betlemme” di Bratislava, incontrerà la comunità ebraica nella Piazza Rybné námestie, nel posto in cui prima sorgeva la sinagoga di Neolog.

In serata, in nunziatura, le visite del presidente del Parlamento, Boris Kollár, e del primo ministro Eduard Heger.

La giornata di martedì 14 settembre vedrà Francesco a Košice, seconda città più popolosa del Paese, al confine orientale, vicino a Polonia, Ucraina e Ungheria sul fiume Horná, e poi a Prešov, terza maggiore città della Slovacchia, dal grande profilo culturale, affacciata sul fiume Torysa.

A Košice, terra di martiri greco cattolici, celebrerà la Divina liturgia bizantina di San Giovanni Crisostomo. Nel pomeriggio andrà nel quartiere Luník IX, alla periferia della città dove da oltre trent’anni risiede la comunità Rom. Alle 17, nello Stadio Lokomotiva, saluterà tutti i giovani della Slovacchia. Da qui la partenza, alle 18.30, per Bratislava, con arrivo dopo un’ora.

L’ultimo giorno del viaggio, mercoledì 15 settembre, sarà a Šaštin, nella regione di Trnava. Qui, due appuntamenti: alle 9.10, un momento di preghiera con i vescovi nel Santuario nazionale, dedicato 250 anni fa alla Madonna a cui la tradizione popolare attribuisce il titolo di “Nostra Signora dei sette dolori”, e subito dopo, alle 10, la messa conclusiva.

Alle 13.30, il Papa si congederà dalla Slovacchia e partirà per Roma. L’arrivo a Ciampino è previsto per le 15.30.

cq5dam.thumbnail.cropped.1000.563.jpeg