Modi in udienza dal papa sabato 30 ottobre

Confermato dal Vaticano l’incontro con il premier indiano che sarà a Roma per il G20. Un faccia a faccia dal significato politico importante a Delhi: sarà la prima visita in Vaticano del leader nazionalista indù, a capo del governo dal 2014.


Città del Vaticano (AsiaNews) - Il premier indiano Narendra Modi si recherà in vista da papa Francesco sabato 30 ottobre. A confermarlo è il Vaticano che ha inserito l’incontro nell’agenda degli appuntamenti del pontefice per la mattina di sabato 30 ottobre alle 8,30. Secondo il programma dovrebbe trattarsi di un faccia a faccia di mezz'ora, dal grande significato politico per Modi. Leader del partito nazionalista indù Bjp - che vede al suo interno anche i movimenti radicali che additano apertamente i cristiani come una minaccia all’identità indiana, sfociando persino in comportamenti violenti - Modi è alla guida del governo indiano dal 2014 e fino ad ora non aveva mai chiesto udienza in Vaticano.

L’ultimo precedente di un incontro tra un papa e un premier di New Delhi risale al 2000 quando fu Atal Bihari Vajpayee – anche lui esponente del Bjp – a recarsi in udienza da Giovanni Paolo II. Già qualche giorno fa i quotidiani indiani avevano parlato di una possibile tappa di Modi in Vaticano nel corso del viaggio che porterà il premier a Roma in occasione del G20 e poi a Glasgow per la conferenza sul clima. Papa Francesco aveva ricevuto una delegazione ufficiale indiana nel settembre 2016, in occasione della canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta: in quell’occasione la rappresentanza del governo Modi fu affidata al ministro degli Esteri, Sushma Swaraj.

A più riprese in questi anni si è parlato di un possibile viaggio di papa Francesco in India, ma da New Delhi non è mai arrivato un invito ufficiale proprio per l’opposizione dell’ala radicale dei nazionalisti indù. Sono stati due i pontefici finora a recarsi in India: Paolo VI nel 1964 e Giovanni Paolo II per due volte nel 1986 e nel 1999.

Narendra_Modi.jpg