Karnataka, cristiani in preghiera sequestrati dai fondamentalisti indù
di Nirmala Carvalho

Accusati di "conversioni" sono stati rinchiusi in una sala fino all'arrivo della polizia. In un villaggio del Chhattisgarh picchiate un gruppo di donne che si erano radunate per la celebrazione domenicale.


Bangalore (AsiaNews) - Anche domenica 7 novembre dall’India sono giunte notizie di comunità cristiane attaccate con violenza dagli estremisti indù. Nello Stato del Karnataka un gruppo di attivisti dello Sri Ram Sena, un movimento legato all’Hindutva, sono entrati in una sala di preghiera sequestrando i fedeli al suo interno. È successo presso la Maratha Colony, una località del distretto di Belgavi: i nazionalisti indù hanno accusato il pastore Lema Cherian di essere intento a compiere attività di conversione. Per questo hanno rinchiuso lui e almeno 30 fedeli presenti nella sala, chiamando la polizia.

Una volta arrivati, gli agenti hanno mandato tutti a casa, mentre il leader dello Sri Ram Sena protestava accusando il governo di “non essere in grado di pore fine a queste attività illegali”. Da parte sua il pastore Cherian ha negato ogni attività di conversioni forzate: “Stavo solo guidando una preghiera con un gruppo di persone interessate, come ogni domenica. Non abbiamo forzato nessuno a venire qui: stiamo solo praticando i riti della nostra religione”.

Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians, commenta ad AsiaNews: “Sono le solite accuse false e l’unico uso della forza è quello compiuto dagli attivisti della destra nazionalista che hanno rinchiuso il pastore e i fedeli in una stanza, commettendo quello che per il codice penale indiano è un reato. In Karnataka i gruppi della destra si sentono rafforzati dalla proposta presentata dal governo locale per un rafforzamento delle locali leggi anti-conversione”.

In un altro episodio nello Stato del Chhattisgarh, sempre domenica 7 novembre, a essere preso di mira dai fondamentalisti indù è stato anche un raduno di preghiera di un gruppo di donne cristiane di un villaggio rurale del distretto di Dilai. Nonostante l'edificio in cui si trovavano sia riconosciuto come un luogo cristiano di preghiera, le donne sono state picchiate e tutto ciò che si trovava nella sala è stato distrutto.

Belgavi_Karnataka.jpg