Ambiente: Washington aiuta Hanoi a smaltire la plastica
di Ngọc Lan

Il Vietnam produce ogni anno 25 milioni di tonnellate di rifiuti solidi. In media una famiglia vietnamita utilizza un chilo di sacchetti di nylon al mese. Continuano i progetti di cooperazione internazionale contro l'inquinamento.


Hanoi (AsiaNews) - Gli Stati Uniti sosterranno il Vietnam nella riduzione dell’inquinamento generato dai rifiuti in plastica, come hanno fatto in passato attraverso i progetti dell'Agenzia per lo sviluppo internazionale Usaid.

Secondo il ministero vietnamita dell’Ambiente, ogni anno il Paese produce 25 milioni di tonnellate di rifiuti solidi. Quelli in plastica, composti per lo più da sacchetti, ammontano a 1,8 milioni di tonnellate e comprendono 30 milioni di borse di nylon. Vuol dire che in media una famiglia vietnamita utilizza un chilo di sacchetti di plastica al mese, di cui oltre l’80% non viene riutilizzato.

L'Istituto vietnamita di salute ambientale e di sviluppo sostenibile spiega che negli ultimi anni è aumentato l’utilizzo di borse in plastica monouso: nelle aree urbane del Paese rappresentano tra il 10% e il 20% del totale dei rifiuti solidi generati dalle attività umane quotidiane. "I rifiuti di plastica e i sacchetti di nylon intaccano direttamente la qualità della vita e della salute umana, nonché la sopravvivenza di altre specie viventi”, hanno detto gli esperti. Il problema della plastica riguarda la loro decomposizione e smaltimento poiché gli scarti resistono nell'ambiente anche per migliaia di anni.

In una dichiarazione del mese scorso, l’Usaid ha precisato di sostenere il Vietnam “dal 2020 per ridurre l’inquinamento plastico attraverso una rete di partner che condividono questa preoccupazione”.

nylon.jpg