Dhaka, arrestati 442 jihadisti nell’ultimo anno
di Sumon Corraya

Il numero degli attacchi si è ridotto, ma i militanti sono molto attivi sul web. Catturato Mufti Shafiqul Islam, uno dei fondatori di Harkatul Jihad Bangladesh. Le autorità danno 5.400 euro ai militanti che decidono di arrendersi e iniziare una nuova vita.


Dhaka (AsiaNews) – Nell’ultimo anno la polizia ha arrestato 442 radicali islamici, la maggior parte dei quali si trova ora in carcere. Con la crisi del Covid-19 il numero degli attacchi jihadisti nel Paese si è ridotto, ma le autorità locali dicono che i gruppi fondamentalisti sono molto attivi sul web, soprattutto con campagne di proselitismo.

Lo dimostra l’arresto, avvenuto il 21 aprile, di Bulbul Ahmed Monirul, uno studente affiliato al movimento estremista Ansarullah Bangla Team. Secondo le unità antiterrorismo, egli usava Facebook per promuovere cospirazioni anti-governative, organizzare attentati e disturbare la sicurezza pubblica.

Il 14 aprile le autorità hanno catturato anche Mufti Shafiqul Islam, uno dei fondatori della formazione radicale Harkatul Jihad Bangladesh. In fuga da 21 anni, egli deve affrontare una condanna a morte per un attentato dinamitardo. È accusato inoltre di aver ucciso l’ex ministro delle Finanze Shah AMS Kibria.

Secondo l’intelligence di Dhaka, 18 leader di alto livello ancora in libertà stanno riorganizzando Harkatul Jihad Bangladesh. Sono impegnati nella raccolta fondi, nel reclutamento e nella confezione di bombe ed esplosivi.

Da tempo il governo ha lanciato un’iniziativa per riabilitare i militanti che decidono di arrendersi, anche con aiuti economici: chi entra nel programma riceve un sussidio di 500mila taka (circa 5.400 euro).

Islamist_militants_(1).jpg