Le nozze del campione nel lutto del popolo ceceno
di Vladimir Rozanskij

In Cecenia la popolazione piange i caduti del conflitto in Ucraina: il leader Kadyrov autorizza invece uno sfarzoso matrimonio per il campione di arti marziali Chimaev. Nella guerra in corso i giovani locali sono usati come “carne da cannone”.


Mosca (AsiaNews) – In Cecenia si sono celebrate le sfarzose nozze del lottatore di arti marziali Khamzat Chimaev, campione a livello mondiale e naturalizzato svedese, molto amico del presidente Ramzan Kadyrov. La festa è risultata particolarmente stridente sullo sfondo del lutto nazionale per i tantissimi giovani soldati ceceni che ogni giorno perdono la vita in Ucraina, dove spesso sono la “carne da cannone” dell’esercito russo.

In tutta la repubblica sono stati sconsigliati i ricevimenti troppo chiassosi e che radunino oltre 50 invitati. Non si conosce ufficialmente il numero dei presenti al banchetto dello sportivo, ma di sicuro non è stato un evento discreto, tanto da essere definita su alcuni media “la festa di nozze più cara di Russia”. Per la processione degli sposi, le autorità hanno chiuso le vie centrali della capitale Groznyj, e lo stesso Kadyrov ha raccontato con orgoglio che alle solennità nuziali sono stati invitati “non solo i parenti e i più vicini, ma anche tantissimi amici e ammiratori”.

Il presidente ha partecipato al ricevimento organizzato al ristorante Parus, dove secondo le parole da lui scritte sul social media Vkontakte “tutto era organizzato in modo magnifico, secondo le tradizioni nazionali, e sono molto soddisfatto di questo incontro”. I video del corteo in città mostrano alcune decine di limousine e grandi macchine, scortate da elicotteri e blindati militari; al pranzo ha preso parte anche il ministro ceceno dell’Interno Ruslan Alkhanov, il capo repubblicano dei vigili Idris Cherkhigov, il vice premier del governo locale Abuzaid Vismuradov e altre personalità di spicco della politica e dell’imprenditoria della repubblica caucasica.

Secondo i canali Telegram degli oppositori di Kadyrov, la Fondazione regionale di sostegno sociale intitolata ad Akhmat Kadyrov, storico presidente e padre dell’attuale, ha offerto le nozze di Chimaev. Il lottatore aveva incontrato il presidente alcuni giorni prima della cerimonia, dopo aver vinto un incontro decisivo con il brasiliano Gilbert Berns per il campionato Ufc, la Federazione internazionale di arti marziali, con cui si era issato sul podio della sua categoria, rimanendo imbattuto da 11 incontri. Tale vittoria era stata esaltata da Kadyrov come augurio e ispirazione per il successo definitivo dell’invasione dell’Ucraina.

Il campione ceceno-svedese ha già ricevuto diverse critiche per la sua vicinanza al capo della Cecenia, colpito dalle sanzioni occidentali. Finora l’Ufc non ha preso però provvedimenti nei suoi confronti. Il prossimo 20 agosto è prevista una sfida con il popolare lottatore Usa Nate Diaz, che assumerà significati simbolici ancora più clamorosi rispetto al conflitto in Ucraina.

CEC_Kad_mat.png