Hanoi punta a una crescita economica del 7% per il 2022

Le notizie di oggi: Israele vuole prendere parte allo studio Usa del proiettile che ha ucciso la giornalista cristiana; in India sale a 37 il bilancio delle vittime di una frana nello Stato di Manipur; il premier iracheno inaugura una centrale elettrica da 750 megawatts; morto il monaco tibetano Jigme Gyatso, più volte arrestato da Pechino; raid russo contro lavoratori clandestini cinesi. 


VIETNAM
Hanoi punta a una crescita del 7% nel 2022, superando gli obiettivi prefissati (fra 6 e 6,5%). Per raggiungere il target, deve toccare quota 9% nel terzo trimestre e 6,3% nel quarto. L’economia è in ripresa dopo il crollo dello scorso anno (+2,58%, il più basso da decenni) legato al Covid. Nel secondo trimestre 2022 il Pil ha toccato quota 7,72% trainato dall’export, ma pesa l’inflazione.

ISRAELE - PALESTINA
Le autorità israeliane intendono analizzare assieme ad esperti statunitensi il proiettile che ha ucciso la giornalista cristiana Shireen Abu Akleh l’11 maggio. Per i palestinesi, che il 2 luglio hanno consegnato l’oggetto a un responsabile Usa, Washington ha escluso la presenza israeliana durante le fasi di test. Il 2 luglio ucciso un 17enne palestinese, colpito da soldati israeliani in Cisgiordania. 

INDIA 
È salito a 37 vittime il bilancio di una massiccia frana che ha colpito nei giorni scorsi lo stato indiano di Maniput; le squadre di soccorso continuano le operazioni in cerca di sopravvissuti. Al momento risultano ancora 25 dispersi. Un muro di fango e detriti ha sommerso un cantiere che ospitava decine di operai impegnati nella costruzione di una ferrovia. Sarebbero 18 i sopravvissuti. 

TIBET - CINA
Il famoso monaco tibetano Jigme Gyatso, più volte arrestato in passato per aver protestato contro il dominio di Pechino nell’area, è morto il 2 luglio scorso nella sua casa nella provincia nord-occidentale di Gansu. Durante la prigionia ha subito violenze e percosse, che lo hanno costretto a un ricovero dal quale non si è mai ripreso. Egli soffriva di salute dal suo ultimo rilascio nel 2016. 

IRAQ
Il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi ha inaugurato ieri la centrale elettrica di Maysan, nell’omonimo governatorato, con una capacità di 750 megawatt. Il premier ha sottolineato che la centrale garantirà energia a tutto il Paese, riducendo la dipendenza nell’importazione di gas. Essa utilizza tecnologie moderne che riducono gli sprechi energetici e sono rispettose dell'ambiente.

RUSSIA 
Vicino alla città di Krasnojarsk, in Siberia, la polizia russa ha effettuato un raid per il controllo degli immigrati clandestini dalla Cina, al lavoro nelle serre agricole della zona. Dal villaggio di Berezovka sono stati prelevati oltre 250 cinesi, portati via con gli autobus per le verifiche delle impronte digitali e del Dna, per capire quanti di essi siano effettivamente dei clandestini.

UZBEKISTAN
Secondo le statistiche sul caro-vita del Cost of Living City Ranking, la capitale uzbeka Taškent è risultata una delle più economiche per i residenti stranieri, occupando il 221° posto su 227 metropoli o grandi centri del mondo. La più economica in assoluto risulta Ankara, poi Istanbul, Karachi, Islamabad, Dušanbe e Biškek. La più cara è Hong-Kong, seguita da Zurigo e Tel-Aviv.

Asia_Today_.png