Corea del Sud: perdono presidenziale per l’erede della Samsung

Le altre notizie del giorno: Cina e Nepal annunciano rete stradale e ferroviaria attraverso l’Himalaya. Proteste in Cambogia dell’ex personale del NagaWorld Casino. Ucciso in Afghanistan il noto mullah Sheikh Rahimullah Haqqani. Ancora incertezza sul viaggio del papa in Libano. Continua a ridursi la popolazione russa.


COREA DEL SUD

Perdono presidenziale per il vice presidente ed erede del colosso Samsung, Lee Jae-yong, che ha da poco scontato due anni e mezzo di prigione per un caso di corruzione che ha implicato la ex presidente Park Geun-hye. Tra le 1.691 persone graziate non è compreso l’ex presidente Lee Myung-bak, in carcere per tangenti.

CINA-NEPAL

Pechino e Kathmandu hanno trovato l’accordo per la costruzione del Trans-Himalayan Multi-Dimensional Connectivity Network. Il progetto è parte della Belt and Road Initiative cinese e prevede la realizzazione di ferrovie e altre vie di comunicazione tra i due Paesi.

CAMBOGIA

Non si fermano le proteste degli ex lavoratori del NagaWorld Casino. Ieri un centinaio di loro, soprattutto donne, si sono scontrati con la polizia a Phnom Penh. I dimostranti sono tra le 1.300 persone licenziate a dicembre dal casinò: chiedono la reintegrazione o il pagamento di una adeguata compensazione.

AFGHANISTAN

È morto ieri vittima di un attacco suicida Sheikh Rahimullah Haqqani, un religioso di alto profilo. L’attacco è avvenuto nel suo ufficio: l’attentatore ha fatto detonare una bomba inserita nella sua gamba artificiale. Il ramo afghano dell’Isis ha rivendicato l’omicidio. Malgrado fosse un sostenitore dei talebani, Haqqani era noto per promuovere l’educazione femminile nel Paese, osteggiata dal governo del gruppo integralista.

LIBANO

Il papa visiterà il Libano quando il Vaticano "lo riterrà utile". Lo ha affermato ieri mons. Joseph Spiteri, che lascia il ruolo di nunzio apostolico a Beirut per ricoprire lo stesso incarico in Messico. Il diplomatico vaticano ha aggiunto che il pontefice è "in continuo contatto con i Paesi interessati dalla crisi libanese".

RUSSIA

Secondo l’istituto nazionale russo di statistica Rosstat, da gennaio a maggio la popolazione russa è diminuita di 430mila unità, per un totale di 142,7 milioni di abitanti, a cui si aggiungono i 2 milioni dell’annessa Crimea. Il trend peggiora di molto quello del 2021, quando nell’insieme il calo è stato di circa un milione di persone.

UCRAINA

Nelle ultime due settimane oltre 20 parrocchie della Chiesa ucraina ex moscovita (Upz) hanno aderito alla Chiesa autocefala di Kiev (Pzu). Sono ora 1.200 su 12mila le comunità passate da una giurisdizione all’altra, soprattutto nella regione di Khmel’nitskij.

00_COP_AsiaToday.png