Pyongyang blocca altri quattro reattori nucleari
La Corea del Nord ha chiuso tutti e cinque i siti della centrale di Yongbyon. Nei prossimi giorni a Pechino si apre la “seconda fase” dei colloqui a sei, ma analisti esprimono cautela sul definitivo abbandono del progetto atomico.

Pyongyang (AsiaNews/Agenzie) – Il governo di Pyongyang ha chiuso tutti e 5 i reattori nucleari della centrale di Yongbyon, fermando altri 4 reattori oltre all’unico finora in attività e già bloccato sabato scorso. La ha dichiarato il direttore generale dell’Agenzia internazionale dell’energia atomica (Aiea), Mohamed El Baradei, alla vigilia del meeting internazionale in programma a Pechino; nel summit si parlerà dei prossimi passi che la Corea del Nord dovrà compiere in merito allo smantellamento del programma nucleare.

Si apre così la “seconda fase” del negoziato a sei – che comprende Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea del Sud, Russia e Corea del Nord – durante il quale il governo di Pyongyang dovrà portare a termine la chiusura di tutti i siti nucleari dislocati sul suo territorio. “La strada è ancora lunga e i passi da percorrere sono tanti – ha sottolineato il rappresentante americano Christopher Hill alla vigilia dei colloqui – ma faremo in modo il tutto sia portato a termine entro la fine del 2007”.

Prima di lasciare la capitale alla volta di Pechino, il negoziatore nord coreano Kim Kye-gwan ha dichiarato che il negoziato a sei dovrà stabilire “obblighi e azioni” per tutti, mentre alcuni esperti sottolineano che non sarà facile convincere la Corea del Nord ad abbandonare “in modo definitivo e totale” il proprio programma nucleare.  

 

 

nucleare_(590_x_541).jpg