28/05/2008, 00.00
VATICANO – ISRAELE
Invia ad un amico

“Progressi” nei lavori della commissione Santa Sede-Israele

Conclusa oggi in Vaticano la riunione della plenaria. Dopo cinque anni di stallo, ormai le riunione si stanno svolgendo regolarmente ogni sei mesi.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Segni di “reale progresso” nella riunione della plenaria della Commissione bilaterale Vaticano - Stato d’Israele per l’attuazione dell’Accordo fondamentale stipulato 15 anni fa, che si è conclusa oggi in Vaticano.
 
A quanto si apprende, l’incontro ha registrato “discreta soddisfazione” di tutti gli intervenuti. Non è dato sapere i contenuti su cui si sta discutendo, ma è da tempo che la Chiesa chiede a Tel Aviv la riconferma delle storiche esenzioni fiscali della Chiesa e la restituzione di alcune proprietà ecclesiastiche perse negli anni.
 
La Commissione ha stabilito di radunarsi ancora in dicembre. Dopo 5 anni di stallo, la Commissione è tornata a radunarsi il 21 maggio e il 13 dicembre 2007; il 28 maggio 2008. Con l’appuntamento della Plenaria fissato nel prossimo dicembre a Gerusalemme si conferma che ormai la Commissione sembra aver preso un ritmo di lavoro costante a scadenze semestrali.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il 12 dicembre la prossima plenaria della Commissione tra Santa Sede e Israele
07/11/2007
“Importanti progressi” dall’incontro della Commissione mista
21/05/2007
Olmert e Abbas: una commissione mista per indicare come arrivare a due Stati in pace tra loro
10/09/2007
Non ha fatto progressi concreti la Commissione mista tra Israele e Vaticano
17/12/2007
Riprende il dialogo cattolico-ortodosso. Mosca ha un peso maggiore
15/09/2017 10:19


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”