03/08/2007, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Attesa tra i cattolici per l’apertura della strada al santuario di Madhu

di Melani Manel Perera
Tra due giorni inizia la preparazione per la festività dell’Assunzione. Il vescovo locale ricorda al governo la promessa di aprire la strada principale che conduce al santuario, perché i pellegrini possano arrivare numerosi. Ma le Tigri, sostiene Colombo, ammassano armi intorno alla chiesa.
Colombo (AsiaNews) – I fedeli e la Chiesa dello Sri Lanka aspettano con trepidazione di vedere se il governo manterrà la promessa di aprire la principale strada che porta al famoso santuario di Nostra Signora di Madhu per permettere l’arrivo di pellegrini in occasione dell’imminente festività dell’Assunzione. La situazione nella diocesi di Mannar, dove sorge il famoso santuario, però, non fa ben sperare. A metà luglio Colombo ha avvertito che i ribelli delle Tigri tamil hanno piazzato armi da fuoco nei dintorni della chiesa e hanno ucciso 14 militari nella stessa area, di recente dichiarata “No war zone” come richiesto dal vescovo locale, mons. Rayappu Joseph.
 
Proprio mons. Joseph si appella ora al governo, perché apra la strada che conduce al santuario; qui tra due giorni inizierà la preparazione per le celebrazioni del 15 agosto. Lo scorso 4 luglio circa 3mila fedeli sono riusciti a raggiungere Madhu dal sud del Paese per una delle tre maggiori celebrazioni mariane che ogni anno si svolgono al santuario. Per la sicurezza garantita in quell’occasione dall’esercito la Chiesa ha già espresso “sentiti ringraziamenti” al ministero della Difesa.
 
Il santuario, 220 km a nord della capitale, è sotto il controllo delle Tigri tamil, che finora hanno rispettato i pellegrini. Ora, per permettere l’arrivo di un numero maggiore di fedeli, serve che Colombo dia il via libera alla riapertura della Madhu Road - la principale strada che conduce al santuario - chiusa l’anno scorso in seguito all’inasprirsi del conflitto civile.
 
Il santuario è situato in una foresta e vi si recano in pellegrinaggio anche indù e buddisti. Dopo la firma del cessate-il-fuoco tra Tigri e Colombo nel 2002, centinaia di migliaia di persone hanno cominciato a visitare il santuario in occasione delle principali festività a luglio, agosto e ottobre.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sri Lanka, per “motivi di sicurezza” cancellata la festa dell’Assunzione
08/08/2008
Bomba a Colombo: salgono a 26 le vittime
26/04/2008
La Chiesa manifesta e prega per la protezione del santuario di Madhu
23/04/2008
Conferenza episcopale: basta violenze intorno al santuario di Madhu
14/04/2008
Fedeli contrari al trasferimento della statua di Nostra Signora di Madhu
08/04/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”