23/08/2021, 08.57
LIBANO-IRAN
Invia ad un amico

Beirut, crisi carburante: navi di Hezbollah dall’Iran per i rifornimenti

Nasrallah annuncia la partenza “entro pochi giorni” di una seconda imbarcazione carica di greggio. Il movimento sciita filo-Teheran in campo per “alleviare” le sofferenze della popolazione. Le aperture agli ayatollah rischiano di inasprire le tensioni regionali. Disco verde anche per gli aiuti da Egitto e Giordania, ma serviranno “mesi per concretizzarsi”.

Beirut (AsiaNews/Agenzie) - Una seconda nave carica di carburante e proveniente dall’Iran arriverà “entro pochi giorni” nei porti del Libano. È quanto ha annunciato ieri Sayyed Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah, durante un discorso televisivo promosso per commemorare Abbas al-Yatama, comandante militare del movimento sciita libanese filo-Teheran morto la scorsa settimana. “La nostra prima nave - ha detto - è già in mare e una seconda solcherà i mari entro pochi giorni. Altre ancora ne seguiranno”. 

“Stiamo cercando - ha proseguito il leader sciita - di alleviare le sofferenze e tutto ciò che saremo capaci di procurare andrà a vantaggio dei libanesi e di tutti quanti vivono sul territorio libanese. E non sarà solo per una regione del Libano, lasciandone indietro un’altra”. “Non siamo un’alternativa - ha aggiunto Nasrallah - né in questa, né in altra maniera allo Stato. E non siamo un’alternativa alle compagnie che importano petrolio”. 

L’annuncio del capo di Hezbollah giunge in una fase di gravissima difficoltà per il Paese dei cedri, a livello politico, economico e sanitario. Una crisi che ha colpito anche il settore dei carburanti e che ha innescato una recente protesta contro la fine dei sussidi per il petrolio ed è all’origine dell’incidente a Tleil, dove una potente esplosione in un deposito clandestino di carburante ha ucciso diverse persone. 

Nel suo intervento Nasrallah ha quindi aggiunto che “non siamo noi a dover rispondere alla richiesta di benzina e diesel per il Libano”, ma l’obiettivo è “alleviare almeno in parte la pressione sulle compagnie e le stazioni [petrolifere]”. Commentando l’apertura degli Stati Uniti sul gas dall’Egitto e l’elettricità dalla Giordania, egli ha poi sottolineato che qualsiasi ulteriore integrazione alle scorte “ importante”.

Riguardo all’amministrazione americana, egli auspica un cambio di rotta e che “smetta di impedire ad altri Paesi [leggi Iran] di aiutare il Libano” anche perché gli aiuti del Cairo e Amman “impiegheranno mesi per concretizzarsi”. Infine, il leader di Hezbollah ha concluso commentando la questione delle esplorazioni offshore di petrolio e gas lancia una sfida. “Se le società (straniere) temono Israele e le sanzioni, siamo intenzionati a portare una compagnia iraniana per estrarre gas e petrolio nei mari. E lasciate pure che Israele lo bombardi”. 

La posizione di Nasrallah - criticata duramente anche dal patriarca maronita - sull’Iran rischia di inasprire ancor più le tensioni interne che da un anno bloccano la formazione del governo, con ripercussioni sull’intera regione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Beirut, esplosioni al porto: nuovo stop all’inchiesta, pesa la minaccia sciita
13/10/2021 11:22
Zahrani, rogo in un impianto petrolifero. Nel Paese torna la luce dopo il blackout
11/10/2021 12:33
Card. Rai: contro la crisi, un progetto interno di autonomia e solidarietà
24/08/2021 11:21
Tleil, la nuova esplosione che acuisce la tragedia libanese
16/08/2021 12:12
Il Covid-19 dà il colpo di grazia: il 55% dei libanesi è sotto la soglia della povertà
20/08/2020 11:02