24/08/2010, 00.00
VATICANO - COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Congresso dei laici: Proclamare Gesù Cristo nell’Asia di oggi

A tema il valore della fede cristiana per il continente protagonista indiscusso dell’economia e della politica mondiale. Il problema della libertà religiosa e il dono del martirio. Le conclusioni affidate al card. Rilko. AsiaNews seguirà giorno per giorno i lavori.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Dal 31 agosto al 5 settembre prossimi 400 delegati laici da tutte le comunità cattoliche dell’Asia si radunano a Seoul per un Congresso dal titolo: “Proclamare Gesù Cristo nell’Asia oggi”.  L’iniziativa è stata voluta dal Pontificio consiglio per i laici, con la collaborazione della Commissione della Chiesa coreana per il laicato.
 
Nel dicastero vaticano vi è già la tradizione di tenere congressi regionali. Questo sull’Asia è urgente perché da una parte in Asia si assiste a una crescita dei battezzati e delle comunità cristiane. Nello stesso tempo il continente sta diventando un (se non “il”) protagonista dei nuovi scenari economici e politici mondiali, spesso con stili distanti dal rispetto della dignità della persona e opposti al cristianesimo.
 
Il Congresso si aprirà con una celebrazione eucaristica e proseguirà con alcune conferenze: la storia della Chiesa in Asia; l’evangelizzazione e il dono di Gesù Cristo all’Asia; la testimonianza e l’impegno per la libertà religiosa del continente. Quest’ultimo tema è stato affidato al direttore di AsiaNews, p. Bernardo Cervellera. Un altro tema molto vivo e attuale è quello del martirio, così presente nell’Asia di oggi. La stessa Chiesa coreana si ispira alla testimonianza dei martiri nella sua catechesi.
 
Ad alcune personalità del Pontificio consiglio sono affidate relazioni sulla funzione dei laici nella missione della Chiesa (mons. Josef Clemens) e sulle nuove associazioni dei fedeli laici  (G. Carriquiry). Al card. Stanislaw Rilko, presidente del dicastero, sono affidate le conclusioni.
Ogni sessione ha ampi momenti di presentazione e discussione sulla vita dei fedeli nei vari Paesi asiatici. Le discussioni serviranno ad approfondire alcune aree e priorità dell'evangelizzazione: rinnovamento delle parrocchie, pastorale e missione della famiglia, identità della scuola cattolica, evangelizzazione e pastorale della gioventù, ruolo della donna nella Chiesa e nella società, partecipazione dei laici nella politica e nei luoghi di lavoro.
 
Il Congresso si chiude il 5 settembre con una celebrazione eucaristica nella cattedrale di Myongdong a Seoul, e la consegna del mandato missionario a tutti i partecipanti.
 
AsiaNews seguirà giorno per giorno gli sviluppi del Congresso con il suo inviato.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Cheong: "Preghiamo affinché l'eucarestia possa tornare in Corea del Nord"
22/09/2006
I nuovi orizzonti dei cattolici coreani dopo il Congresso di Seoul
15/09/2010
Martiri di Pyongyang e della guerra: chiusa l'indagine diocesana per la beatificazione
09/06/2022 13:32
Chiesa di Corea, protagonista del Congresso dei laici cattolici
06/09/2010
Cristiani dell’Asia, coraggiosi testimoni della fede fino al martirio
03/09/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”