11/07/2008, 00.00
LIBANO
Invia ad un amico

Formato a Beirut il governo di unità nazionale

Il primo ministro Fouad Sinora l’ha definito “una nuova fase” nella vita della nazione. Seguendo gli accordi di Doha, all’opposizione sono dati 11 seggi su 30; alla maggioranza 16; il resto li sceglie il presidente. Nei prossimi giorni si discuterà del disarmo di Hezbollah.

Beirut (AsiaNews) – Nel pomeriggio di oggi il primo ministro Fouad Siniora ha annunciato il varo di un nuovo governo di unità nazionale, che comprende anche seggi per l’opposizione, con discreti poteri di veto. Il nuovo governo mette fine a mesi di stallo della politica libanese, divisa fra la maggioranza, appoggiata dalla comunità internazionale, e gli Hezbollah e i suoi alleati, sostenuti da Iran e Siria.

Una svolta alla situazione è venuto dagi incontri tenuti a Doha, nel Qatar, lo scorso maggio, dove si è stilato un accordo che si sta via via realizzando.

Dopo l’elezione del presidente nella persona di Michel Sleiman, lo scorso 25 maggio, vi sono state settimane di conflitto sulla formazione del governo. Seguendo l’accordo stilato nel Qatar, nel nuovo governo l’opposizione ha  diritto a 11 seggi su 30. La maggioranza ha 16 seggi; i rimanenti verranno scelti dallo stesso presidente. Tutte le decisioni più importanti necessiteranno dei due terzi dei voti (cioè 20).

Nei prossimi giorni il presidente Sleiman radunerà il nuovo governo per discutere alcuni temi importanti.  Fra questi vi è il disarmo delle milizie Hezbollah. Il “partito di Dio” continua a mantenere armi e milizie private, giustificandole necessarie per la sua lotta contro Israele.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Onu e Qatar in soccorso alla crisi libanese
11/09/2009
Patriarca maronita: Gli attentati colpa delle divisioni fra i politici libanesi
03/02/2014
Prende corpo un nuovo ordine regionale, e il Libano se ne avvantaggia
26/05/2008
Raggiunto a Beirut l’accordo sul programma di governo, i problemi restano
02/08/2008
Tredicesimo rinvio per l’elezione del presidente libanese
21/01/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”