05/07/2012, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Fukushima “è stato un disastro causato dall’uomo”

La Commissione parlamentare indipendente presenta alla Dieta i risultati dell’inchiesta sulla tragedia dell’11 marzo 2011: “Non è stata colpa del terremoto o dello tsunami, ma dell’inadeguatezza dei sistemi di prevenzione. La colpa è del governo e della Tepco, che hanno sottovalutato quanto stava avvenendo”.

Tokyo (AsiaNews) - La tragedia che ha colpito la zona di Fukushima l'11 marzo 2011 "è stata causata da un errore umano e non può in alcun modo essere considerata un disastro naturale. Il governo, la Tepco e le autorità di controllo hanno sbagliato tutto: si poteva e si doveva prevedere il disastro nucleare". È quanto afferma la Commissione parlamentare indipendente di inchiesta che ha presentato oggi il proprio Rapporto alla Dieta.

La Commissione è composta da 10 esperti in materia guidati da Kiyoshi Kurokawa, professore emerito dell'Università di Tokyo. L'accusa presente nel Rapporto non è rivolta a un qualche tecnico della centrale, ma all'intero apparato di organismi preposti alla sicurezza della centrale e del territorio: "È chiaro che questo disastro è stato causato dall'uomo - si legge nelle conclusioni -. I governi, le autorità di regolamentazione e la Tepco hanno mancato di senso di responsabilità nel proteggere le vite delle persone e della società".

Il terremoto e lo tsunami che hanno colpito le coste della prefettura di Fukushima - provocando una parziale fusione del nocciolo della centrale nucleare  - erano insomma "eventi gestibili. C'è stato un corto circuito tra governo, authority e gestore Tepco, che hanno brillato per la mancanza di governance tra di loro". Nella realtà, dicono i commissari, "l'11 marzo la centrale nucleare di Fukushima era in condizioni vulnerabili che non garantivano di far fronte al terremoto e allo tsunami. Pur avendo una serie di opportunità di adottare misure, le autorità di regolamentazione e la Tepco hanno deliberatamente rinviato le decisioni, non hanno intrapreso azioni di tutela".

L'inchiesta "scagiona" di fatto l'utilizzo dell'energia atomica nel Sol Levante. Il Paese ha una enorme sete di energia, che nasce dal proprio sviluppo industriale: sin dal secondo Dopoguerra, nonostante le bombe su Nagasaki e Hiroshima, i giapponesi hanno lavorato per stanziare centrali nucleari su tutto il territorio. Al momento sono più di 50, ma quasi tutte inattive: sull'onda dell'emozione post-disastro, infatti, il governo ha ordinato una revisione totale di tutti gli impianti.

Ora però le cose stanno cambiando. Dopo più di un anno di fermo, il Prodotto interno lordo del Paese è precipitato e la disponibilità energetica è calata del 30 %. Il nuovo premier Noda si è imposto e ha ottenuto la riapertura di 2 reattori "assumendosi tutta la responsabilità del caso".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Olimpiadi a Fukushima: simbolo della rinascita che non c'è stata
20/07/2021 11:22
Fukushima, il governo contro la Tepco: Incuria nella gestione dell'acqua radioattiva
26/08/2013
Giappone, a quattro anni da Fukushima, riattivata una centrale nucleare
11/08/2015
Vescovi giapponesi: L’Anno della fede per i sopravvissuti di Fukushima
17/10/2012
Enormi costi per smantellare l’impianto nucleare di Fukushima
26/10/2016 08:56


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”