06/09/2013, 00.00
RUSSIA – CINA – GIAPPONE
Invia ad un amico

G20, incontro “inaspettato” fra Shinzo Abe e Xi Jinping

Ai margini della prima sessione del summit di San Pietroburgo, i leader di Cina e Giappone si parlano per 5 minuti. Entrambi vogliono “la pace” e “un rapporto bilaterale che sia di reciproca convenienza” ma non affrontano i temi sensibili che li dividono, primo fra tutti il possesso delle Senkaku/Diaoyu.

San Pietroburgo (AsiaNews/Agenzie) - I leader di Cina e Giappone si sono stretti la mano e hanno parlato faccia a faccia nel corso di un inaspettato incontro ai margini del summit del G20 in corso a San Pietroburgo. Xi Jinping e Shinzo Abe non si sono mai incontrati da quando hanno preso il potere: il primo nel marzo del 2013 e il secondo nel dicembre del 2012. E i rapporti fra le due nazioni sono peggiorati in maniera seria a causa di una disputa territoriale che riguarda alcune isolette nel Mar cinese orientale.

Le isole, note come Senkaku in giapponese e Diaoyu in cinese, sono controllate da tempo dal Giappone. Nel settembre del 2011 l'acquisizione da parte di Tokyo di 3 delle 5 isolette da un privato ha scatenato la furia di Pechino, che ha lanciato una campagna politica e militare per rivendicare la propria sovranità sull'area. Nella contesa è presente anche Taiwan, che ha proposto ai contendenti di "sfruttare insieme, senza parlare di proprietà, le ricchezze locali".

Non è chiaro il valore dell'arcipelago. Si pensa che esso abbia anzitutto un valore strategico, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

I due leader hanno parlato per circa 5 minuti poco prima dell'inizio della prima sessione ufficiale del summit. L'incontro è stato confermato da alcuni membri della delegazione giapponese. Yoshihide Suga, portavoce dell'esecutivo di Tokyo, racconta che "Abe ha parlato con Xi per convincerlo a migliorare i rapporti fra i due Paesi tornando indietro al punto di partenza di una relazione che sia strategia e benefica per entrambi".

Per la Xinhua, agenzia di stampa del governo cinese, Xi ha detto che i rapporti fra Cina e Giappone "affrontano gravi difficoltà che noi non vorremmo vedere. La Cina favorisce una situazione che sia positiva per entrambi, ma il Giappone deve rispondere alle questioni territoriali e a quelle storiche con spirito corretto e con lo sguardo rivolto al futuro". Pechino accusa Tokyo di non aver ancora risposto in maniera adeguata alle violazioni compiute dai soldati nipponici in tempo di guerra.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Isole contese, l’affondo di Shinzo Abe: un comizio dalle Senkaku/Diaoyu
18/07/2013
Vertice Apec, prima stretta di mano fra Cina e Giappone
10/11/2014
Senkaku/Diaoyu, Pechino tende la mano; Tokyo cerca alleati nell'Asean
17/01/2013
Shinzo Abe rilancia l’alleanza con gli Usa (in chiave anti-cinese)
22/02/2013
Tokyo libera i marinai cinesi arrestati al largo delle isole Senkaku/Diaoyu
13/09/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”