30/05/2008, 00.00
GIORDANIA
Invia ad un amico

Gli islamici prevedono disordini ad Amman a causa dell’aumento dei prezzi

Il segretario del principale partito di opposizione sostiene che “nei prossimi giorni di sarà un’esplosione, una grande esplosione e nessuno può prevederne le ripercussioni o le conseguenze”.
Amman (AsiaNews/Agenzie) – La “insufficiente” azione del governo giordano per fermare la crescita dei prezzi potrebbe provocare nei prossimi giorni gravi disordini sociali. E’ la minacciosa opinione espressa da Zaki Bani Rsheid, segretario del Fronte di azione islamica, il maggior partito di opposizione del Paese.
 
Secondo Bani Rsheid, “la pazienza del popolo ha dei limiti ed io penso che nei prossimi giorni di sarà un’esplosione, una grande esplosione e nessuno può prevederne le ripercussioni o le conseguenze”. Ciò, a suo avviso, trova origine nei “modi insufficienti” con i quali il governo sta affrontando l’aumento dei prezzi, “senza risolvere il problema di base”.
 
La crescita dei prezzi è stata particolarmente forte, quest’anno in Giordania: ad esempio, il prezzo della benzina è aumentato del 76,1% e quello dell’elettricità del 38%. Anche i prezzi degli alimenti sono saliti e l’inflazione, che secondo il Fondo monetario internazionale nel 2008 doveva arrivare al 9%, l’anno scorso è salita del 5,4%.
 
Re Abdulah II ha chiesto al governo di difendere i cittadini dagli aumenti. “E’ importante – ha detto nel corso di una riunione con l’esecutivo – che i provvedimenti abbiano effetti positivi e siano chiaramente compresi dalla popolazione”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I giordani applaudono il presidente siriano Bashar Assad (Video)
26/11/2018 08:13
Dhaka: impennata prezzi del carburante spingono in alto l'inflazione
10/08/2022 10:47
Colombo: inflazione alle stelle, cala il reddito delle famiglie
10/01/2022 13:08
Libano, crisi economica e Covid: a rischio migliaia di lavoratori migranti
28/05/2021 08:50
Nel Libano in crisi economica è la società civile a offrire aiuti alle persone
25/05/2021 12:04


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”