28/02/2022, 08.50
ASIA TODAY
Invia ad un amico

Guerra Russia-Ucraina: il 77% dei giapponesi teme l’invasione cinese di Taiwan

Le notizie di oggi: nuovo test missilistico di Pyongyang per lo sviluppo di satelliti spia; Baghdad ospita dopo anni la prima partita ufficiale, valevole per i mondiali di Qatar 2022; il Parlamento nepalese approva una controversa norma su finanziamenti Usa che innesca la protesta di piazza; petizione di insegnanti russi contro la guerra; almeno 12mila persone evacuate in Malaysia per le inondazioni. 

GIAPPONE
L’invasione russa dell’Ucraina preoccupa i giapponesi: per il 77% vi è il rischio di uso analogo della forza di Pechino verso Taiwan. Il sondaggio di Nikkei Inc. e TV Tokyo mostra che il dato sale all’83% fra i 40 e i 50enni. Sulla risposta di Tokyo, il 61% vuole l’inasprimento delle sanzioni contro Mosca che oggi incontra in Bielorussia delegati di Kiev per negoziati di cruciale importanza. 

RUSSIA
Un gruppo di insegnanti in Russia ha pubblicato una petizione in cui si appoggia apertamente la protesta contro la guerra, chiedendo il cessate il fuoco e la fine dell’invasione dell’Ucraina. Hanno già firmato oltre 1200 insegnanti da 65 regioni, e anche da Paesi stranieri.

GEORGIA - UCRAINA
Il capo della autoproclamata repubblica del Donbass Denis Pušilin si è rallegrato per il riconoscimento dell’indipendenza di Donetsk da pare della (autoproclamata) repubblica georgiana dell’Abkhazia. Questa decisione, aggiunge, “porta le nostre relazioni ad un altro livello”.

SINGAPORE
Singapore intende imporre “sanzioni e restrizioni appropriate” alla Russia, che comprendono anche provvedimenti bancari e finanziari e controlli sull’export. La città-Stato di solito rispetta i provvedimenti Onu ma di rado emette sanzioni di propria iniziativa. Per il ministro degli Esteri Vivian Balakrishnan le sanzioni sono frutto di una situazione di “gravità senza precedenti”. 

IRAQ

Iraq ed Emirati Arabi uniti giocheranno a Baghdad la partita valevole per le qualificazioni ai mondiali in Qatar 2022, programmato in origine ad Amman o Doha. La Fifa ha cancellato il bando in vigore da tempo alle competizioni in territorio iracheno. La capitale testimonia una rinascita culturale con fiere del libro e mostre d’arte, sebbene registri ancora sporadiche violenze. 

COREA DEL NORD
Pyongyang ha condotto un test di “grande importanza” per lo sviluppo di satelliti spia, all’indomani - secondo Seoul - del lancio di un nuovo missile balistico. Si tratta del primo lancio a febbraio, dopo i ripetuti test di gennaio ed è una conferma del grado di accuratezza sempre maggiore del sistema di identificazione e trasmissione dati per la sorveglianza. 

NEPAL

Il Parlamento ha approvato un controverso disegno di legge che autorizza l’ingresso nelle casse del Paese di circa 448 milioni di euro per lo sviluppo di infrastrutture. Secondo i promotori rientra nel Millennium Challenge Corporation (Mcc), accordo firmato con gli Stati Uniti nel 2017. Per i critici viola la sovranità del Paese. All’esterno manifestanti si sono scontrati con la polizia. 

MALAYSIA - INDONESIA
Sono almeno 12mila le persone evacuate dalle loro case ieri, a causa delle pesanti piogge che hanno colpito gli Stati della costa orientale della Malaysia. Nella vicina Indonesia è salito a 11 il bilancio del terremoto di magnitudo 6,2 che ha colpito il 25 febbraio la provincia di West Sumatra; oltre 400 i feriti e migliaia gli sfollati. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Afghanistan, raid Usa: ucciso il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri
02/08/2022 08:49
Telefonata tra Xi Jinping e Biden: confronto su Taiwan
29/07/2022 08:55
Baghdad, sadristi attaccano Parlamento contro candidato premier filo-iraniano
28/07/2022 09:01
Filippine, forte terremoto al nord: gravi danni e vittime
27/07/2022 08:44
Gli anziani della Corea del Sud vorrebbero lavorare fino a 73 anni
26/07/2022 08:47


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”