29/12/2020, 09.07
HONG KONG-CINA
Invia ad un amico

Hong Kong: gli attivisti democratici detenuti nel Guangdong si dichiarano ‘colpevoli’

La sentenza sarà pronunciata domani, due giorni dopo lo svolgimento del processo. L’accusa è di aver violato le acque territoriali cinesi mentre cercavano di fuggire a Taiwan. I familiari non hanno potuto assistere all’udienza; impedito l’ingresso anche a diplomatici e giornalisti stranieri.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – La Corte distrettuale di Yantian a Shenzhen (Guangdong) pronuncerà domattina il verdetto di condanna nei confronti di 10 dei 12 attivisti democratici incarcerati in Cina da quasi quattro mesi. Lo hanno rivelato oggi le famiglie dei detenuti, che dicono di essere state contattate dagli avvocati nominati dalle autorità cinesi.

Secondo resoconti di stampa locale, i legali d’ufficio hanno comunicato alle famiglie che nel corso del processo – tenutosi ieri – i 10 accusati si sono dichiarati colpevoli di aver attraversato in modo illegale le acque territoriali cinesi. Nessuna decisione è stata presa per gli ultimi due sospettati, che sono minorenni e dovrebbero essere sentiti in un’udienza separata.

Nell’agosto scorso, la guardia costiera cinese ha intercettato al largo del Guangdong un motoscafo con a bordo 12 cittadini di Hong Kong. Secondo notizie non ufficiali, l’imbarcazione si dirigeva a Taiwan per mettere in salvo i fuggitivi, che con la nuova legge sulla sicurezza rischiavano di finire in prigione per aver partecipato alle manifestazioni pro-democrazia dell’anno scorso.

Il governo cinese ha impedito ai 12 di vedere i propri familiari e di essere assistiti da avvocati scelti dalle famiglie. A giornalisti stranieri e diplomatici è stato impedito di assistere al processo, come confermato dal ministro degli Esteri britannico Dominic Raab. Anche i familiari non hanno potuto partecipare: una comunicazione ufficiale è arrivata loro solo tre giorni prima che i detenuti comparissero davanti ai giudici. Le autorità giudiziarie sostengono il contrario, affermando che il processo era a porte aperte.

Il Dipartimento di Stato Usa ha chiesto l’immediato rilascio degli attivisti. Secondo i diplomatici di Washington, il “presunto” crimine di cui sono accusati è di “voler fuggire dalla tirannia” del Partito comunista cinese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hong Kong, fino a tre anni di carcere per i 10 attivisti democratici detenuti a Shenzhen
30/12/2020 08:48
Hong Kong, anche i 15enni in divisa scolastica minacciano la sicurezza nazionale
30/09/2021 12:02
Hong Kong: Jimmy Lai ripresenta domanda di scarcerazione
11/02/2021 15:08
Hong Kong, nessuna accusa per i 53 attivisti pro-democrazia arrestati per ‘sovversione’
08/01/2021 09:05
Attivisti condannati a Shenzhen: revocata la licenza all’avvocato delle famiglie
04/01/2021 09:06


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”