06/10/2020, 12.50
VIETNAM
Invia ad un amico

Il Rosario nella parrocchia di Lý Sơn, che fu costruita dai primi fedeli

di Thanh Thuy

 “Questo – hanno sottolineato alcuni sacerdoti della diocesi di Qui Nhơn - è un fatto molto speciale, che ha anche affermato il ruolo dei laici nella formazione, sviluppo e protezione della fede della parrocchia di Lý Sơn”. La visita del vescovo.

Hanoi (AsiaNews) – Il 4 ottobre, la parrocchia di Lý Sơn della diocesi di Qui Nhơn (nella foto) ha aperto il mese del solenne Rosario. La parrocchia di Lý Sơn si trova nel comune di An Hải, distretto dell'isola di Lý Sơn della provincia di Quảng Ngãi.

L'isola si trova a 15 miglia nautiche dalla terraferma. Secondo le statistiche del 2019, l'area del distretto di Lý Sơn è di 10,39 chilometri quadrati. Gli abitanti sono 22.174. I cattolici circa 500.

Dopo che la pandemia di Covid-19 si è fermata nella città di Đà Nẵng, nella provincia di Quản Ngãi e in alcune altre province, dal 5 settembre le autorità della provincia hanno reso noto che "il comitato popolare di Quảng Ngãi ha permesso alle persone che vivono nell'isola di Lý Sơn di riprendere le attività di economia, istruzione, religione e di turismo”.

L'isola di Lý Sơn ha una storia legata alla sovranità del mare e delle isole del Vietnam. Durante la signoria Nguyen, tra la fine del XVI e il XVIII secolo, i giovani dell'isola di Lý Sơn eseguirono gli ordini della dinastia Nguyên di "navigare sulla costa per proteggere il mare e le isole".

Al giorno d'oggi, questi segni rimangono ancora attraverso il rito: "Lễ Khao lễ Thế Linh", che è la festa della commemorazione per le isole Paracel. I rituali vengono organizzati ogni anno da centinaia di anni sull'isola nel secondo mese del calendario lunare. Questo è un omaggio ai marinai-soldati che hanno lasciato la loro patria per procurare risorse naturali e salvaguardare la sovranità del Paese.

L’aspetto principale della parrocchia di Lý Sơn è che è stata costituita dai primi fedeli e non da missionari, sacerdoti o monaci. “Questo – hanno sottolineato alcuni sacerdoti della diocesi di Qui Nhơn - è un fatto molto speciale, che ha anche affermato il ruolo dei laici nella formazione, sviluppo e protezione della fede della parrocchia di Lý Sơn”.

Attualmente, mons. Matthew Nguyễn Văn Khôi è vescovo della diocesi di Qui Nhơn. Ha visitato e lavorato per i parrocchiani di Lý Sơn. Il vescovo ha esortato i laici che qui i cristiani dovrebbero pregare coscenziosamente e pregare anche il Rosario, che lega i cristiani alla Nostra Signora Maria.

Il vescovo ha incontrato tutti i membri del popolo di Dio di questa parrocchia. Poi tutti insieme hanno ripercorso la storia della formazione e dello sviluppo della parrocchia. Il vescovo ha anche ascoltato i rapporti sulla situazione attuale della parrocchia. In particolare, tutti i membri hanno contribuito al processo di sviluppo della chiesa e della società.

Il vescovo Matteo spera che, dopo questo incontro, i fratelli e le sorelle diventino più consapevoli della grazia del Signore. Quindi, ha detto, abbiamo bisogno di più sacrificio. Dobbiamo contribuire con più energie alla costruzione e allo sviluppo della parrocchia.

La costruzione di una chiesa sull'isola di Lý Sơn dimostra la forte fede dei cattolici dell'isola. La parrocchia di Lý Sơn è divenuta una solida roccia. Ogni fedele è la pietra viva di Dio su questa cara isola.

Il Vescovo spera anche che in futuro ci siano comunità di suore in parrocchia. Questo non solo per aiutare i collaboratori pastorali, ma anche per svolgere opere missionarie verso altre persone. Attualmente, su quest'isola molte persone ancora non credono in Dio.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Condanna a 14 anni di carcere per il blogger Hoang Duc Binh
06/02/2018 15:22
Governo contro il dissenso: condannati altri quattro attivisti
05/02/2018 12:28
La Chiesa piange p. Matthew, superiore e “anima” dei redentoristi di Hanoi
04/03/2016 11:09
Il centro Lamb of God: portare la Buona Novella a tutti dopo la pandemia Covid-19
19/04/2021 11:53
Vietnam, la Chiesa in festa per l’anniversario dei 117 martiri
24/11/2015