02/11/2011, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Il parlamento nepalese trova l’accordo sul futuro dei 19mila guerriglieri maoisti

Oltre 6500 gli ex paramilitari integrati all’interno dell’esercito. I restanti 12.500 saranno inseriti all’interno di programmi per l’assorbimento nella società. La decisione storica giunge a cinque anni dalla fine della guerra civile. Protestano le frange radicali del partito maoista.
Kathmandu (AsiaNews/ Agenzie) – Il parlamento nepalese integra oltre 6500 guerriglieri maoisti all’interno dell’esercito a cinque anni dalla fine della guerra civile (1996/ 2006). L’accordo è stato siglato ieri dai leader dello Unified Communist party of Nepal, Nepali Congress, Communist Party of Nepal (Unified Marxist Leninist) e lo United Democratic Madhesi Front. Secondo l’intesa, per ora gli ex combattenti non saranno inseriti in reparti armati. Essi avranno un ruolo attivo nei soccorsi umanitari, nella sicurezza industriale e forestale. Ai restanti 12.500 è stato proposto invece un programma di reinserimento nella società. I finanziamenti ammontano fino a 11.500 dollari per ciascun guerrigliero. Tuttavia, la decisione non ha raccolto i consensi delle ali più radicali del partito, che hanno definito l’accordo “un’umiliazione per l’Esercito di liberazione del popolo”.

La guerra civile del Nepal ha contrapposto per 11 anni esercito e guerriglieri maoisti, che combattevano con l'obiettivo di rovesciare la monarchia e istituire la Repubblica popolare del Nepal. Il conflitto si è concluso con un accordo globale di pace tra esercito e maoisti firmato il 21 novembre 2006 davanti a Onu e comunità internazionale. La guerra ha fatto più di 12.800 morti e circa 100mila rifugiati. In questi anni i maoisti si sono sempre rifiutati di consegnare le armi, pretendendo l’inserimento degli ex guerriglieri all’interno delle esercito nazionale. Lo scorso 2 settembre i quadri dei paramilitari hanno accettato il disarmo e consegnato le chiavi degli arsenali dislocati in sette campi di addestramento sparsi su tutto il territorio nepalese.

Il reinserimento degli ex guerriglieri è una tappa storica per il Paese. A tutt’oggi i maoisti sono il partito di maggioranza in parlamento, dopo la vittoria alle elezioni per l’assemblea costituente tenutesi nel 2008. Lo scorso 28 agosto sono tornati al governo a due anni dalle dimissioni del loro storico leader Prachanda. Il nuovo Primo ministro Baburan Battharai si è impegnato a portare a termine il processo di pace e la scrittura della nuova costituzione. Essa doveva già essere pronta nel 2009, ma la sua approvazione è stata frenata dall’opposizione dei maoisti, che per tre volte hanno costretto l’Onu a posticipare la data di consegna, come ricatto per il mancato reinserimento dei guerriglieri nella società. La prima bozza della nuova carta costituzionale sarà consegnata entro fine novembre.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Kathmandu, l’Onu chiede giustizia per le vittime della guerra civile
21/04/2011
Mindanao, Duterte: Tregua coi ribelli comunisti per un ‘Natale sereno’
20/12/2017 12:21
Kathmandu: Si sciolgono le armate guerrigliere maoiste
22/11/2011
Nepal, i guerriglieri maoisti consegnano le armi
02/09/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”