27/09/2007, 00.00
CINA
Invia ad un amico

In vista del Congresso comunista, demolito il “villaggio delle petizioni”

A pochi giorni dall’inizio del 17esimo Congresso nazionale del Partito, previsto per metà ottobre, le autorità della capitale demoliscono il quartiere che ospitava da anni coloro che si presentavano a Pechino per protestare contro gli abusi del governo.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Le autorità della capitale hanno demolito le abitazioni di un quartiere periferico che ospitavano le migliaia di persone che ogni anno si recano a Pechino per presentare le proprie petizioni e proteste al governo centrale.
 
La mossa rientra nel progetto di creare “una società pacifica ed armoniosa”, il ritornello che le autorità comuniste ripetono sin dalla presa di potere del presidente Hu Jintao, a pochi giorni dall’inizio del 17esimo Congresso nazionale del Partito, previsto per metà ottobre.
 
Uno degli ex residenti del quartiere, intervistato dal South China Morning Post, dice: “Le demolizioni sono iniziate nel pomeriggio. Insieme alle ruspe sono arrivati circa 100 agenti di polizia e guardie private, che hanno prevenuto ogni tipo di opposizione”.
 
Le autorità locali hanno trasportato a forza i residenti del quartiere in un recinto fatto di tende, ed hanno intimato loro di lasciare Pechino entro la fine della settimana. Secondo il testimone, chiamato Yu, “è la prima volta che il governo attacca il ‘villaggio delle petizioni’ senza il consenso degli abitanti”. Secondo la municipalità, la demolizione “era necessaria, perché qui sarà costruita una nuova stazione ferroviaria”.
 
Ogni anno, centinaia di migliaia di cittadini cinesi si recano a Pechino per presentare le proprie lamentele contro gli abusi dei governi locali. Alcuni, arrivati nella capitale da anni, non sono mai riusciti a presentare i propri documenti perché bloccati dalle autorità.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hainan, picchiate donne e bambini: volevano fermare la demolizione del loro villaggio
02/05/2016 10:30
La repressione cinese non si ferma con l’estate
02/09/2011
Sichuan, il governo chiude una rete di centri buddisti tibetani
03/01/2020 09:14
Un’accademia del buddismo tibetano passa sotto la guida diretta del Partito comunista ateo
28/08/2017 14:52
Libero il pastore cristiano Gu Yuese, lotta per salvare le croci dalla demolizione
05/04/2016 13:50


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”