24/09/2022, 12.16
PAKISTAN
Invia ad un amico

Islamabad: dopo le alluvioni continua il declino economico

Nonostante l'approvazione di un prestito dal Fondo monetario internazionale, i Paesi alleati non sono propensi a concedere denaro al Pakistan. La rupia continua a perdere di valore. Il rischio non è solo di una crisi alimentare, dopo la distruzione dei raccolti: il Paese potrebbe arrivare a non essere più in grado di importare petrolio.

Islamabad (AsiaNews/Agenzie) - I finanziamenti del Fondo monetario internazionale (Fmi) non basteranno a risollevare l’economia del Pakistan. È quello che sostengono diversi esperti interpellati da Nikkei Asia e secondo cui sono necessarie misure di emergenza più radicali.

Le recenti alluvioni hanno messo in difficoltà il governo pakistano, che ha stimato a 30 miliardi di dollari il valore dei danni. Presto potrebbe avere luogo anche una crisi alimentare. L’analista Maryam Zia Baloch sostiene che, con i raccolti distrutti dalle inondazioni, il Pakistan si troverà costretto a esportare meno e importare più generi alimentari: “Il Paese avrà bisogno di più dollari per coprire le spese di importazione. Ciò metterà sicuramente sotto pressione il tasso di cambio e la situazione della bilancia commerciale peggiorerà”, ha spiegato.

A fine agosto il Fmi aveva approvato un prestito di 1,17 miliardi di dollari, che a sua volta avrebbe dovuto spingere altri Paesi a offrire il proprio sostegno finanziario per impedire che il Pakistan collassi a livello economico.

Gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar hanno rifiutato di trasferire fondi direttamente alla State Bank of Pakistan preferendo fare investimenti che però produrranno i loro effetti nel lungo periodo. L'Arabia Saudita, invece, ha accettato di rinnovare un deposito di 3 miliardi di dollari per un altro anno, ma anche così difficilmente i problemi economici del Pakistan troveranno una soluzione. 

Secondo l’economista Yousuf Nazar i Paesi stranieri si sono stancati di aiutare il Pakistan e la dimostrazione sta nel fatto che la comunità internazionale ha promesso solo 600 milioni di dollari in aiuti per le popolazioni alluvionate del Sindh e del Belucistan. 

La rupia pakistana nelle ultime due settimane ha continuato a perdere valore, facendo scendere a 239 il cambio con il dollaro. L’inflazione ha raggiunto il 27,3%, il tasso più alto degli ultimi 47 anni. Le riserve di valuta straniera sono bassissime e il basso valore della rupia non rende attraenti gli investimenti.

Nazar ha suggerito una serie raccomandazioni per rilanciare l’economia, tra cui tagliare i costi per la difesa, aumentare il prezzo del carburante, riprendere il commercio con l’India e l’Iran. Ma la preoccupazione principale di Islamabad dovrebbe essere l’approvvigionamento energetico: se finiranno i soldi per comprare il petrolio il Pakistan rischia di arrivare a un “punto morto”. L’inflazione potrebbe arrivare al 70%, come in Sri Lanka, ma sarebbe una strategia sbagliata, sostiene Nazar, aspettare di toccare il fondo: "Il Pakistan deve agire ora e non dovrebbe sperare che i suoi alleati vengano a chiedere aiuto", ha detto. "La speranza non è una strategia."

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Colombo: lanciato piano internazionale contro l'insicurezza alimentare
25/05/2022 11:06
Dhaka: impennata prezzi del carburante spingono in alto l'inflazione
10/08/2022 10:47
Le inondazioni spingono il Pakistan sull’orlo della bancarotta
23/09/2010
La Cina chiede più potere ai Paesi emergenti negli organismi finanziari internazionali
23/07/2009
Il coreano Jim Yong Kim a capo della Banca mondiale nella "guerra" dei prestiti
17/04/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”